Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2011
XIII Edizione

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2012
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

  • Resi noti i risultati in data 14-11-2011. La Giuria ha iniziato la valutazione delle opere pervenute in data 16-09-2011.
  • La spedizione dell’antologia è stata effettuata dal 20 giugno 2012 al 6 luglio 2012 Clicca qui per vedere l’antologia online – Spedite in data 20-03-2012 le bozze dell’Antologia – Inviata in data 05-10-2011 la comunicazione agli autori ammessi all’Antologia.
  • La premiazione si è tenuta sabato il 3 dicembre 2011 alle ore 21:00 presso il Teatrino di Corte della villa Reale di Monza. I vincitori sono tempestivamente avvisati e tutti i partecipanti riceveranno una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

Risultati della XIIIª Edizione del Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2011


La XIIIª Edizione del Premio Internazionale di Poesia “Città di Monza 2011” in collaborazione con il Comune di Monza Assessorato alla Cultura, la Casa Editrice Montedit e il Cenacolo dei Poeti e Artisti di Monza e Brianza continua la tradizione poetica del suo Premio, con un lusinghiero successo sia per l’alto numero dei partecipanti: 398 pervenuti da tutt’Italia e dall’estero che per il buon livello qualitativo. Diverse e coinvolgenti le tematiche che variano dai fatti relativi alla cronaca a quelli dell’olocausto, a personaggi legati al mondo dell’arte: Chagall, Picasso. La donna nella sua quotidianità, la miniera ed altri argomenti che scavano nel profondo di ogni uomo ed ai luoghi della memoria. Non sono mancati i motivi legati all’inserimento sociale e di protesta. Particolare attenzione alle emozioni, nonché al desiderio di vivere il ricordo di una natura incontaminata in cui l’uomo possa ritrovare se stesso.
Il lavoro della Giuria di cui è Presidente Onorario dr. Vincenzo Consolo (romanziere e saggista) e la Presidenza effettiva di Beppe Colombo (già Direttore della Biblioteca Civica di Monza), composta da: Maria Organtini (ideatrice del Premio e Presidente del Cenacolo P.A.M.B.), Mario Biscaldi (poeta e pittore), arch. Elisabetta Bosisio (pittrice), prof. Sergio Gandini (poeta e pittore), Antonello Sanvito giornalista, (caposervizio de “il Cittadino”), Maria Grazia Crespi (musicologa), Rita Corigliano Nobili (segretaria, con diritto di voto), è stato particolarmente impegnativo in quanto il livello dei testi pervenuti in totale n° 398 per un totale di 425 testi provenienti oltre che dall’Italia da Cipro e Australia. Così ha votato la giuria:


Sezione Adulti

  • 1° classificato Pietro Catalano di Roma con «Una stella gialla». Motivazione: «È segno di arte non comune parlare della più grande tragedia del Novecento con il tocco lieve e l’animo rasserenato di Primo Levi.»
    Comunicazione della Giuria del Premio: «Il primo premio viene annullato in quanto la partecipazione dell’Autore non è risultata conforme al regolamento del Concorso che prevedeva la partecipazione con testi inediti e mai risultati classificati ai primi tre posti in data precedente alla scadenza dell’inoltro delle opere del 30 agosto u.s. Da una verifica è risultato che il testo «Una stella gialla» è stato premiato in altri concorsi precedentemente e pertanto l’attribuzione del primo premio viene annullata».
  • 2° classificato Anna Santarelli di Rieti con «Squarcia la notte». Motivazione: «Un messaggio di fede e di speranza annunciato trasponendo in versi le figure oniriche di Marc Chagall».
  • 3° classificato Antonio Damiano di Latina con «Yara: il ricordo». Motivazione: «Il ricordo di un crudele evento dei nostri giorni è sfiorato con la delicatezza e la profonda partecipazione di chi sa contemplare il bello e il bene oltre il male.»
  • 4° classificato Danila Olivieri di Riva Trigoso (GE) con «E il borgo è lì!»
  • 5° classificato Chiara Franzil di Buja (UD) con «Oggi è Guernica»
  • 6° classificato Carla Baroni di Ferrara con «Donna»
  • 7° classificato Maria Chiara Firinu di Iglesias (CI) con «Alla miniera»
  • 8° classificato Gino Zanette di Godega di S. Urbano (TV) con «Ora che il vento»
  • 9° classificato Valentina Tagliabue di Bovisio Masciago (MB) con «Palìrroia (marea)»


Premio speciale in memoria di Augusto Robiati a Simonetta Zana di Monza (MB) con la poesia «Le sinfonie del cuore». Motivazione: «Il rigo musicale varia con le emozioni del cuore e lancia il suo grido per la vita.»
 


Sezione Giovani

  • 1° classificato Andrea Andreolli di Monza (MB) con «O esali». Motivazione: «Timidezza e malinconia nutrono questo sfogo sincero di un amore adolescenziale e traducono i sentimenti repressi in immagini di accattivan te suggestione.»
  • 2° classificato Fabrizio De Gregorio di Pescara con «Quando amiamo senza rimedio»
  • 3° classificato Valentina Barbieri di Roveleto di Cadeo (PC) con «Senza senso»

Segnalazione della Giuria

  • Stefano Melandri di Castiglione di Ravenna (RA) con «Una rupia per un sogno»

 

La manifestazione ideata e promossa dal Cenacolo dei Poeti e Artisti di Monza e Brianza in collaborazione con il Comune di Monza Assessorato alla Cultura e del Club degli Autori di Melegnano, offre al 1° Premio oltre alla pubblicazione gratuita di un proprio libro di poesie di 48 pagine con assegnazione di 100 copie, Euro 600 offerti dal Comune di Monza Assessorato alla Cultura,
al 2° classificato pubblicazione gratuita di un proprio libro di poesie di 32 pagine con assegnazione di 100 copie, un contributo di Euro 400,00;
al 3° classificato pubblicazione gratuita di un proprio libro di poesie di 32 pagine con assegnazione di 100 copie, un contributo di Euro 200,00;
al 4° e al 5° classificato pubblicazione gratuita di un proprio libro di poesie di 32 pagine con assegnazione di 50 copie.
Il 1° classificato dei giovani riceve Euro 250,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alla Cultura;
al 2° classificato Euro 150,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alla Cultura;
al 3° classificato Euro 100,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alla Cultura.

A tutti i premiati verranno offerte coppe, medaglie, libri e un attestato di partecipazione. Tutti i premiati saranno inoltre inseriti nell’Antologia del Premio Internazionale di Poesia “Città di Monza 2011”.
I testi premiati verranno inseriti sulla Rivista il Club degli Autori sul sito www.club.it e sul sito del Cenacolo


La premiazione 2011

La cerimonia di premiazione si è tenuta sabato 3 dicembre alle ore 21 presso il Teatrino di Corte della Villa Reale di Monza dove la pittrice Leandra Senesi di Monza, ha esposto l’opera che ha vinto la copertina dell’Antologia 2010 ispirata alla Cascatella di San Gerardino e altre sue opere pittoriche.
La serata, condotta da Maria Organtini e Mario Biscaldi, è stata allietata da un intermezzo musicale del violinista Elia Senese.
La lettura dei testi è stata affidata alla sig.ra Carla dell’Acqua e al poeta Roberto Piva.



Nella foto: Beppe Colombo, presidente della Giuria del Premio



Un momento della cerimonia di premiazione che si è tenuta il 3 dicembre 2011 presso il Teatrino di Corte della Villa Reale di Monza.


Presentazione del Presidente di Giuria Beppe Colombo sul Premio di Poesia Città di Monza 2011


Ancora una volta i risultati del Premio di poesia “Città di Monza” confermano che i poeti più sensibili riflettono lo spirito di un’epoca.
Le difficoltà politiche, economiche e sociali del mondo contemporaneo hanno senza dubbio influito sulla ispirazione dei poeti premiati.
Quasi tutti i testi si possono considerare una meditazione sulle sofferenze della vita, riscattate dalla consolazione della poesia.
Alcuni testi sono più attenti alle vicende storiche e sociali, come la illustrazione del quadro picassiano “Oggi è Guernica” di Chiara Franzil, o l’orrore per i naufragi degli immigrati in “Perfido pelago italo libico” di Ivan Sergio Castellani, o le sofferenze dei lavoratori in “Alla miniera” di Maria Chiara Firinu e in “Una rupia per sogno” di Stefano Melandri, o addirittura la rievocazione di un misterioso omicidio della cronaca attuale “Yara: il ricordo” dove l’atmosfera totalmente rasserenata dice molto più di mille cronache.
In altri testi la sofferenza ha radici più intime e riflette motivazioni esistenziali o addirittura metafisiche. Così è per il sentimento di vuoto lasciato dalla morte in “E il borgo è lì” di Danila Olivieri, o la solitudine femminile in “Donna” di Carla Baroni, o il nichilismo leopardiano in “Senza senso” della giovanissima Valentina Barbieri, oppure la ineluttabilità delle forze della natura in “Palirroia” di Valentina Tagliabue e il senso di ignoto nel futuro in “Ora che il vento” di Gino Zanette.
Un poco tristi sono anche le due poesie giovanili che esprimono adolescenziali pene d’amore: “O Esali” di Andrea Andreolli e “Quando amiamo senza rimedio” di Fabrizio De Gregorio.
La più bella poesia premiata “Squarcia la notte”, che rilegge il dipinto “La caduta dell’Angelo” di Marc Chagall, mostra come la bellezza dell’arte e la fede nel trascendente possano dare speranza e gioia a chi crede nonostante le sofferenze presenti.

Il Presidente della Giuria

Beppe Colombo

Opere vincitrici



Anna Santarelli


Opera 2^ classificata Sezione Adulti


Squarcia la notte


Squarcia la notte
un angelo con sembianze
di donna e di fuoco
sospesa è l’ora e trafitta
dal pianto
memorie di case amate
e verdi campi (violati)
nel cuore vivono.
Trova ogni uomo
nel grembo della terra
la sua croce
abbraccia la sua via ….
cerca di preservare
l’uomo di fede la Parola.
S’aggroviglia la matassa
del tempo in paesaggio onirico
intessuto di verità e di mistero,
percorso d’ombre e divorato
da un fuoco di colore,
s’intrecciano i fili del male
con le fragili forme del bene
– sguardo avvolgente
di Madonna o aureola di candela
saranno guida verso un altrove,
oltre il dedalo dei giorni?
Nell’anima del mondo che
dispiega gli opposti, forse c’è
ancora un sole a trapassare
l’abisso della notte, c’è ancora
un’alba per il nostro cielo
a rischiarare il tempo che verrà.


Testo ispirato all’opera “La caduta dell’angelo” di Marc Chagall



Antonio Damiano


Opera 3^ classificata Sezione Adulti


Yara:il ricordo

Irrompe con la gioia e il canto, con la grazia
Del mattino e negli occhi migra il cielo,
Il sorriso dell’eterno. Ma non si schiude
Al giorno, al fiotto pieno della luce, ché già
Si ferma il battito del tempo. Brucia in un baleno
La vaga essenza, finché si dissolve e tace;
E manca il tempo alla parola di crescere
Col giorno, d’innervarsi piano piano
Seguendo le stagioni, per assumere pregnanza,
Il senso e la sostanza dell’opera compiuta.
Esce dalla vita come un raggio appena nato,
Ancora tremolante nel bagliore del mattino,
Avvolto dalle nubi, da un nembo di passaggio.
E passa come un sogno fuggito dalla mente
D’una dea e sceso sulla terra per allietare
Il tempo dei mortali: un attimo fugace
Che accende le pupille, le irrora di gocciole
Di cielo e poi scompare, rilasciando
Riverberi di luce che accompagnano
I tuoi passi fino all’ora del tramonto.
Ma non svanisce il canto, quel sospiro
Del mattino che sopravanza le stagioni
E si trasfonde in eco, in musica lontana.
E ti rinasce dentro, nell’anima ferita, tornando
A parlarti, a tenerti compagnia con la mestizia
Dei ricordi, con quella nota appena schiusa,
Interrotta all’improvviso nel preludio della vita.
E tu, smarrita, sull’orlo dell’abisso, la segui
Docilmente, ne accompagni le cadenze, affrettando
Il passo per ritrovarla alla fine del cammino.




Danila Olivieri


Opera 4^ classificata Sezione Adulti


E il borgo è lì


E il borgo è lì, creuze* scalze in salita
– un tempo sonore di risa –
che tra ulivi fioriti verde luna
e nuvoli d’abbagli di ginestre
s’inerpicano e a fatica scollinano –
sfuggente lo sguardo del casolare
che ha visto invecchiare
nude stanze e stagioni
con occhi muti e rugosi di muri,
erosi di sole e di vento.
…Chè il tempo scava crepe
rosica muri sgretola pietre
e ti scolora lento
l’iride del pensiero…
Ma nel vigneto l’infuocato fiato
del giugno è immutato, dal ceruleo
arricciato del mare – a sbuffi –
sempre sale capriccio di scirocco
che sparge le sue fusa tra le ortensie
del giardino e alita azzurro sui grappoli
del glicine e, tra le siepi arruffate,
orfane delle tue mani taglienti
si sono aperti i tuoi agapanti
azzurri più del mare.
…Potevi sussurrarmelo quel giugno,
nell’aria carezzevole d’indugi
e profumi, mentre scendevi lenta
gradini di partenza,
che avrei portato tutto l’azzurro
del giardino dentro gli occhi, fissato
anche all’ultimo istante
che deragliava prima dello schianto.
Potevi, mamma. Avresti – un poco –
colmato questo vuoto.


*la creuza è la tipica stradina ligure che scende verso il mare




Chiara Franzil


Opera 5^ classificata Sezione Adulti


Oggi è Guernica


Non c’è rosso,
a Guernica,
è colato per le strade,
scivolato
nella terra.
Solo un grido,
un nitrito,
or rimbomba per le case
che non sono
più che nulla.
È spezzata
quella mano,
e trafitta la sua spada,
sfugge il ciuccio
al bimbo morto,
e l’ulivo alla colomba.
L’olio acceso
crolla piano
sulla faglia della morte
ed illumina i profili di
salive ormai asciutte.
Non c’è luce artificiale,
né baglior celeste alcuno:
tutto è buio.
Geli i letti
che son stati
fatti bare.
Ma nell’ombra della massa
ecco l’ultima fontana
che, ancor oggi
senza guancia,
piange,
sempre in ogni dove,
gocce, sorsi di dolore.



Carla Baroni


Opera 6^ classificata Sezione Adulti


Donna


C’è nel meriggio caldo la fatica
di quell’attesa che si sfoglia al vento
qual petalo di rosa all’imbrunire.
Donna tu attendi sempre: il primo amore,
il figlio ed il compagno che alla sera
stanco ritorna avaro di sorrisi.
Trame diverse vivono i tuoi occhi
ma è l’attesa l’ordito del tuo cuore.
Altalene di scale e millenari
bivi intervallano il tuo andare
e non c’è mai approdo, mai certezza
d’un lido quieto all’ombra d’un ulivo.
Fruscii di foglie morbidi nel suono
sanno velare i gemiti, lo sforzo
di questo tuo salire disperato
che è forza e fulcro al muovere del mondo.
Segna il tempo traguardi d’illusione,
segna mete diverse nell’inganno
d’un appiglio sicuro. Poi frana
come bicchiere infranto la paura;
Niobe e Didone piangono, Penelope
attende ancora quel suo amato Ulisse
sperso nel mare dove la risacca
ne porta l’urlo disperato, triste.
Ma poi s’incaglia nell’ultimo suo giro
la gomena dell’ancora allo scoglio
e tu capisci d’essere nel porto
lontana da ogni canto di sirena.



Maria Chiara Firinu


Opera 7^ classificata Sezione Adulti


Alla miniera


Si sale, si scende, laggiù…

È notte di giorno,
è notte di notte.
Aggredisci la pietra
ma pensi alla casa, più su…


Il tuo bimbo ora dorme, riposa.
Vorresti un abbraccio:
non c’è l tua sposa
che adesso è in silenzio
e già prega per te.


Tua nonna, tua madre,
han dormito identici
sonni leggeri aspettando
il ritorno del sole nel cielo,
aspettando il tuo passo sullo scalino di casa.


Sei lì per il pane:
ti accarezza il sudore,
ti abbraccia la terra
che sa di polvere e fatica,
che sa di passato e paura.
Sei dentro il suo grembo
che al buio ti dice:


«Fai in fretta, scava,
lavora più forte, respira…
quell’aria un po’ strana,
che sa di carburo e di nebbia,
che ha brama di luce.


Domani, là fuori, c’è il pane,
fra poco, là fuori, c’è il sole».



Gino Zanette


Opera 8^ classificata Sezione Adulti


Ora che il vento


Ora che il vento non gonfia più le vele
e la bonaccia insidia la sua rada
di pigra sonnolenza e di paura
empi presagi s’attardano funesti.
Si svela un orizzonte pieno di capricci
che si nasconde e gioca a l’indovino.


Perplesso
dal fondaco scioglie i suoi calzari
che risparmiava per le feste sacre
quando sul desco si spezzava il pane
nel segno della croce di suo padre;
chiude le infauste fole a doppia chiave
ed il forziere frusto ormai dei sogni
con la bisaccia vuota gode
la frazione del tempo che gli resta
nell’oasi fresca d’ombre sotto il cedro.


S’inoltra poi con passi concitati e brevi
ma all’angolo s’indugia col sospetto
di chi s’attarda a scioglier la sciarada
di ciò che troverà oltre il confine.
Quello che lascia già si spalma
come il sole sui colli nel tramonto
e sul paese equabile d’invidia
che invece amava senz’esser mai riamato
non resterà che acredine e disprezzo.


Zelante va infine al perentorio invito
e non lo incanta più la nostalgia
se non di lei e della dolce casa
e l’eufonia sommessa dei suoi versi.



Valentina Tagliabue


Opera 9^ classificata Sezione Adulti


Palìrroia (marea)


S’alza da tempo immutata la mia mareggiata,
la colpa è di Luna, sorella di secoli eterni:
milioni di torride estati, di gelidi inverni, d’età
che scorrono ancora costanti nel gioco dei quanti,
della corrente del fiume e del mare che viene e che va.


Perché questo mondo si desta
e trova motivi alla pioggia,
trova ragioni di festa, danza di balli proibiti
nasconde i suoi sogni rapiti all’ombra della sua loggia.
Perché forse un attimo conta
come cento di queste parole,
come l’alba confronta le fiamme fugaci
di candele incapaci a emulare le fiamme del Sole.


S’alza da tempo immutata la mia mareggiata,
la colpa è di Luna, sorella di secoli eterni:
milioni di torride estati, di gelidi inverni, d’età
che scorrono ancora costanti nel gioco dei quanti,
della corrente del fiume e del mare che viene e che va.


Perché questa scena ha interrotto
lo spettacolo assai più gradito
di un mondo corrotto, di una leggiadra visione
che solo Illusione può rendere al fiore appassito.
Perché tanto fragile è il vetro
che gioca a ferire gli umani:
quel che sta dietro gli instilla la voglia negli occhi
e gli ruba i balocchi ancor caldi di piccole mani.


S’alza da tempo immutata la mia mareggiata,
la colpa è di Luna, una scusa da tempo creata:
milioni di vite che nascono, muoiono, tornano; età
che scorrono ancora costanti nel gioco dei quanti,
della corrente del fiume e del mare che viene e che va.




Ivan Sergio Castellani


Opera 10^ classificata Sezione Adulti_


Perfido pelago italo libico


Partono liquide cariche d’anime,
alberi ruggini e folaghe ironiche.
Argani docili ruotano gomene
issano rapidi l’eternità.
Nuvole plumbee gonfiano cumuli
l’aere umido sciacqua cadaveri.
Morbidi riccioli di angeli equivoci
solfeggian canoni dell’adilà.
Flebili alogene scrutano autentiche
luride trappole gravide d’uomini.
Satrapi ignobili grassano abili
utili scampoli di umanità.




Simonetta Zana


Premio speciale Augusto Robiati


Le sinfonie del cuore


S’inseguono le note della vita formando una musica irregolare.
Si alzano forti, irruenti i pensieri a togliere quei toni che
sembrano stonare i ritmi.
Corrono veloci, per seguire quell’episodio, quell’emozione. Poi, tutto tace nel cuore.
Tutto si ferma, tranne la voglia di vivere.
Così nascono le sinfonie del cuore.



Andrea Andreolli


Opera 1^ classificata Sezione Giovani


O Esali


Come è iniqua la mia
prigione di timidezza e malinconia.
Non ho mai visto oltre i miei occhi
perché essi altro non vedevano
al di fuori del dolce riverbero
di tutto ciò che è in me è di estuoso.
Così l’implacabile fuoco del mio
petto ancora arde quando passi,
un’esplosione di dolore a me cara
nei corridoi spogli e tremolanti.
O Esali maledetta
sia la mia eccessa idolatria
perché di tali fiori
che dinnanzi a me oscillano
su questo prato di marmo
ahimé, tu sei la più bella.
Un colombo dalla tua classe
dorata e tinta da sprazzi
d’argento, sopraggiunge ogni mattina
anella mia montagna, come eremita
sconto la pena del mio troppo amore,
mi sussurra buoni auspici, ah tanto
lo sono che non so se crederci.
E con un fiocchetto di lacrime
stringo i miei pensieri più soavi
delicatamente al suo collo stretto,
e poi lo prendo in mano e lo scocco
verso la tua ariosa finestra
restituendo il nostro buon galeotto
al vento del giorno, come se fosse
l’unico bacio che riuscirò mai a darti.
E così mi avvilisco un poco contemplando
la fonte della vita, che a gocce passa
senza lasciar alcuna traccia nel terriccio
umido e vermiglio. Come è iniqua la mia
prigione di timidezza e malinconia.




Fabrizio De Gregorio


Opera 2^ classificata Sezione Giovani


Quando amiamo senza rimedio


Mi duole un poco vivere
quando son esule
dal corpo bianco e scarno
del tuo amore.
Mi duole un poco vivere
quando non m’ami
quando incontro un uomo e non oso guardarlo
quando una donna piange
mi duole un poco vivere
all’ombra di giugno
fra i fiori del caldo
quando il vecchio cielo m’affida
nudo e solo all’immenso.


Ma quando t’amo e tu m’ami
son sazio
mordo il pane dell’esistenza
abbraccio ogni uomo,
l’anima si crogiola gioiosa
nel gorgo umano,
il cielo muore nel mio dolore
Quando t’amo e tu m’ami
sono infinito
la mia carne è l’eterno
della vita e della morte,
fra le mie crude membra
camminano gli uomini si perdono
delirano ridono cantano,
nel mio crudele sogno
silenti muoiono sorridenti
all’alba con le ombre
del fuoco notturno.
Sono
quando amiamo senza rimedio
ogni vita e ogni morte
degli uomini tutti.




Valentina Barbieri


Opera 3^ classificata Sezione Giovani


Senza senso


Storie già sentite, già vissute,
bocche amare, assetate d’amore
mari ed oceani pieni d’acqua in fuoco.
Quanti sottili e taglienti ruscelli
per arrivare alla foce del mio cuore,
io, persa, annegata dal pallido sole
di questo mare di bugie finzioni.
Taglio pergamene di fragilità
e ne faccio ventagli per il freddo gelido
della mia lunga e tormentata vita.
Sono ghiaccio che scioglie lentamente
muoio senza un uomo, senza un senso,
senza ricordi infrangibili che scorrono,
avida li temo, li frantumo, li spezzo.
Gelosa della mia dolce metà
vago disperata senza trovarla
e dietro a squallidi sguardi
graffio, distruggo, incendio
capolavori di imperfezione.



L'Albo d'Oro:
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2017 XIX Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2016 XVIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2015 XVII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2014 XVI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2013 XV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2012 XIV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2011 XIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2010 XII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2009 XI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2008 X Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2007 IX Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2006 VIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2005 VII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2004 VI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2003 V Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2002 IV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2001 III edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2000 II Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 1999 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153