Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2002
VI Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2002
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Clicca qui per vedere l’ antologia del premio

Risultati

Risultati del Premio Letterario Internazionale “Il Club dei Poeti” 2002


La Giuria della sesta edizione del Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti edizione 2002, presieduta per la sezione Poesia da Gianmario Lucini e per la sezione Narrativa da Massimo Barile, dopo attenta valutazione delle opere pervenute è giunta alla conclusione di premiare i seguenti autori:


Classifica Sezione Poesia:

  • Opera 1° classificata: “Sappi che…” di Linda Scuizzato, Vicenza.

Vince buono valido per la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui riceverà 100 copie gratuite – Targa Il Club dei Poeti – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet club.it

Questa la motivazione della Giuria: “Un senso di intimità maturata, che va molto oltre la comunicazione formale pur esprimendo concetti semplici ed immediati, pervade questi pochi versi della poesia vincitrice del concorso Il Club dei Poeti 2002. L’autrice (ci par di capire dagli aggettivi che si tratta di una donna) in pochi e decisi tratti riesce ad esprimere il nocciolo di un argomento cruciale nei rapporti fra uomo e donna, e cioè il come la donna vuol essere capita; senza forzature, rispettando i tempi della libertà individuale, i tempi soggettivi, che non hanno riferimento nella scansione cronologica e non vanno misurati in quantità ma in qualità. Notevole anche la capacità di adeguare il tono della lirica all’argomento prescelto, e il ritmo del verso a un fluire pacato ma fermo che l’argomento richiede, così che la poesia, oltre ad essere di notevoli contenuti, è anche un buon esempio di equilibrio formale, che rende in un unico armonioso ritmo e tono, leggerezza discorsiva e profondità semantica, musicalità e immediatezza del linguaggio – mai artefatto pur essendo molto preciso. E, oltre ad essere un buon esempio di poesia, la composizione è, per inciso, un buon esempio di comunicazione interpersonale”. (Gianmario Lucini)

  • Opera 2° classificata: “Ravenna: S. Vitale” di Annalucia Lorizio, Roma.

Vince buono valido per la pubblicazione di un quaderno di 32 pagine di cui riceverà 100 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet club.it

Questa la motivazione della Giuria: “Un senso di leggerezza pervade la composizione e le conferisce un tono giocoso, dove con discrezione fa capolino la complicità dell’intesa e l’entusiasmo dell’innamoramento. La poesia è scritta in modo così leggero da catturare dentro di sé i colori dei mosaici, gli ori, gli azzurri, ed insieme ad essi la magia della gioia. Scrivere poesie che esprimono gioia non è facile, e qui l’autrice ha felicemente raggiunto lo scopo, adottando un registro colloquiale e con l’abile mossa di catturare dentro lo schema narrativo, che pure è in sé semplicissimo, la gaiezza, lo sfarzo e la festa dei colori, ed ottenendo un effetto di sorpresa e movimento che ben si accorda all’innocente ironia della composizione.”. (Gianmario Lucini)

  • Opera 3° classificata: “Se in punto di morte…” di Roberto Del Duce, Bologna.

Vince buono valido per la pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 32 pagine di cui riceverà 100 copie gratuite – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet club.it

Questa la motivazione della Giuria: “In pochi versi l’autore di questa poesia richiama la morte – l’odiata straniera rimossa dalla nostra psicologia sempre più orientata verso l’utopia dell’immortalità – e se ne beffa, proiettando su di essa la luce beffarda della vitalità e del buonumore. Si sente in questi versi la dinamica di scontro fra morte e vita, fra eros e thanàtos direbbero gli psicologi, risolta a favore della vita e non come nulla e fine) che viene dalla forza dell’amore – perché no? dal gioco dell’amore, quando questo “gioco” è anche sentimento e senso, capace di dare sapore all’esistenza”. (Gianmario Lucini)


Vincono attestato di merito, pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet club.it e 50 copie in omaggio in caso di pubblicazione in volume con l’editrice Montedit:

  • Opera 4° classificata: “Disincanto” di Valentina Bufano, Trezzano Sul Naviglio (MI);
  • Opera 5° classificata: “Cielo celeste” di Enrico Calenda, Venezia Lido;
  • Opera 6° classificata: “Dies irae” di Alessandra Crabbia, Montebelluna (TV);
  • Opera 7° classificata: “Invettiva” di Antonio Pucciarelli, Roma;
  • Opera 8° classificata: “Il mattino della città” di Matteo Kettmaier, Trento;
  • Opera 9° classificata: “Gli aquiloni” di Katia Paola Elena Righini, Milano;
  • Opera 10° classificata: “Efumnion” di Matteo Tabacchini, Roma.


Sono risultati segnalati dalla giuria con Attestato di merito:

  • “Tornare indietro” di Andrea Bellini, Roselle Terme (GR);
  • “Disegni” di Giuliana Buratti, Verbania;
  • “Maturità” di Massimo Caddeo, Saronno (VA);
  • “Abissi” di Giuseppe Carnabuci, Verona;
  • “Elastica” di Milena Grelli, S. Angelo in Campo (LU);
  • “Suoni mescolati…” di Giulia La Face, Bologna;
  • “Zwschen Himmel und Erde” di Leonardo Lastilla, Firenze;
  • “Danza in punte” di Fernando Ariel Palacios, Legnano;
  • “Un undici settembre” di Giancarlo Remorini, Bientina (PI);
  • “Noi reclini sul suolo” di Simone Secci, di Arezzo.


Classifica Sezione Narrativa


Vince buono valido per la pubblicazione di un libro di 32 pagine di cui riceverà 100 copie gratuite – Targa Il Club dei Poeti – Attestato di merito – pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet club.it


Vincono attestato di merito, pubblicazione dell’opera vincitrice su Il Club degli autori e sul sito Internet club.it e 50 copie in omaggio in caso di pubblicazione in volume con l’editrice Montedit:

  • Opera 2° classificata: Il ritorno di Angela Rizzo, Mazara del Vallo (TP);

*Opera 3° classificata: XYZ di Ilaria Cavalletto, Vigevano (PV);

  • Opera 5° classificata: Lo di Fabrizia Berlingieri, Roges di Rende (CS);
  • Opera 10° classificata: Il concorso di Giuseppe Carnabuci, Verona.


Sono risultati segnalati dalla giuria con Attestato di merito:

  • “Cascate a mezz’aria” di Paola Ippolito, Marano (NA);
  • “Il foglio è bianco” di Elena Omodeo, Vigevano (PV);
  • “Il televisore” di Vanda Sessa, Trieste.
Opere vincitrici

1° classificata

Linda Scuizzato

Sappi che
svelarsi non è cosa da poco
esporre accenti a maestri di retorica
mettermi nuda di fronte allo specchio – guardarmi ad occhi ermeticamente spalancati
sull’anima – Sappi che
schiudersi piano è arduo almeno quanto
sentirsi vergini a vent’anni
Non è come intingere e riempire le tele – spasmodicamente – allucinarsi poi di fronte ad esse
Ricomporsi/scomporsi – annientarsi/plasmarsi
Amarsi non è cosa da poco
per chi ha udito l’odore di acre
ha narici impastate e vorrebbe soltanto
essere dolce – schiudersi piano -.


2° classificata

Annalucia Lorizio

Ravenna: S. Vitale

Ci perdemmo così, fra una tessera
e l’altra d’un vitreo frammento:
tu scivolasti
dalla nettezza dell’oro
in paradisi di compatto splendore;
io m’immersi
nel tremulo azzurro
soggiogata da un acquatico albore
stemperato di verde…

Ci allontanammo così, fra una nota
e l’altra d’un diverso strumento:
io tenendo dietro a un violino
dal cuore stridente,
tu ammiccando a un clarinetto
d’ironico umore.
Ti persi di vista fra un acuto
e un grave su per la volta
di San Vitale…

Ci separammo per mesi o per ore?
Forse appena lo spazio di tempo
che indugia al varco fra l’oro e l’azzurro:
nella penombra spiccavan scintille
quando, ansante, ti vidi arrivare.


3° classificato

Roberto Del Duce

Se in punto di morte
ti avessi accanto
soffierei la mia settima vita
sui tuoi lunghi baffi
di gatta

poi chiuderei gli occhi
sui tuoi luminescenti


4° classificata

Valentina Bufano

Disincanto

Ristretto sul disincanto che mi scivola
quando al mattino il Sole si leva.

Coll’amico burattino ho ballato per strada
due lire a testa e a casa;
mi spiace di averlo buttato.

Ho in sospeso alcune cose: il come, il quando, il dove…
Intanto
i bersagli mobili continuano a vagare
ed è ancora disincanto
ancora stringente urgenza d’amare.


5° classificato

Enrico Calenda

Cielo celeste

Cielo celeste d’un sole radente
sulle facciate tese d’antichi palazzi e chiese
intorno all’ovale bacino allucinante
d’un brulichio di luci abbacinante,
che verso i canali serpeggia e si spande.
Questa sommessa attesa, quel mormorio
che dice e intorno si fa pace e salda intesa,
vivo concerto e umore antico, che nelle calli
parla e fra le porte aperte intesse la sua rete
col conservato accento, con ricche
schermaglie tese e il cicaleccio acceso
dei vivi mercati, intensi e colorati
giù dal ponte, nel labirinto di lavorati marmi,
fiori scolpiti ed ampi festoni,
volti di bimbi, santi e teneri sguardi
di stilizzate madri sulle lunette ai canti.
Si china un’anziana e porge cibo di pesce
ai gatti; tuba il colombo intorno
mentre corteggia mangia
chicchi di grano in piazza.


6° classificata

Alessandra Crabbia

Dies irae

11/9/2001

Devo dirti, figlia,
e non vorrei,
quel che nel mio abbraccio svanisce,
quel che nel mio canto s’abbuia,
quel che i miei ulivi stupefatti tacciono.
Devo dirti, vita mia,
dello stridere letale di carrucole nei pozzi avvelenati,
delle madri in lutto pietrificato dai seni gonfi di latte amaro,
devo dirti delle avide lordure degli affamatori con facce da avvoltoi,
devo dirti la miseria di una briciola di pianeta perso nell’universo
inconsapevole e con occhi bucati,
che s’ostina a bramare, a uccidere,
a forgiare pesanti anelli per catene di morte.
Io t’ho solo portato nel ventre come una scintilla di luce,
t’hanno nutrita di sole le mie viscere,
t’ha riscaldato il futuro il balzo rosso del mio cuore.
T’ho forgiata per essere divinamente umana,
per avere passi di cerbiatta innamorata
e melodie notturne sotto lune eburnee.
Perciò io dichiaro la pietà,
pietà per le madri, anfore sacre di vita,
pietà per i figli, casti frutti dell’amore,
pietà per i padri, stritolati tra le ruote dentate d’ingranaggi infernali,
e per te, frutto della mia anima carnale.
Io non t’ho fatta sorgere per il ferro e la clava:
sia la tua carne impastata di Dio,
siano le tue mani templi di meraviglie,
sia il tuo cuore selvaggio airone in volo
sopra lontane pianure piene di lacustre bellezza,
dove non s’oda il pianto,
né vinca il nero abissale della bestia umana.
E taccio dunque oggi, figlia:
la lampada s‘è spenta,
ed io ti sto scrivendo
nell’oscurità.


7° classificato

Antonio Pucciarelli

Invettiva

Che giova ne le fata dar di cozzo?
Dante Alighieri
(Inf. IX, 97)


O fato, mostruosa imperitura potenza ineluttabile e beffarda,
tu che da chissà dove noi inermi candidi e miseri mortali,
marionette imperfette, ma superbe ed illuse di scegliere la via,
qual salami appesi in bella mostra ai ganci d’una drogheria
tieni mani e piedi legati ai tuoi ben saldi e invisibili fili,
che dall’alto – si dice – muovi e manovri come meglio ti garba,

tu, alma forza divina, implorata energia arcana ed invincibile,
che sull’universo domini e impietoso governi uomini e cose,
ed in questa imperscrutabile farsa tragica che è l’umana vita,
nella quale, ahi noi!, in poche ore ci giochiamo la partita,
decidi se il cammin nostro cosparso sia di spine o di rose
e stabilisci perfino ciò che a noi deve restare inconoscibile;

tu che per noi fissi e decidi la parte che sulla terra ci tocca recitare
e di ciascuno fai un eroe o un buffone, un peccatore o un santo,
e non solo pretendi d’indirizzar le nostre più recondite intenzioni,
ma ti diletti financo a rovesciare beate e già consolidate situazioni,
senza poi considerare che a un dài poco o nulla e a un altro tanto,
uno lo colmi d’amore e consumi un altro dalla voglia d’amare;

io mi ribello al modo iniquo e arbitrario con cui gestisci il tuo potere,
e con tutto me stesso ti maledico e con odio contro di te covo vendette.
Sì, so bene che per tua natura sei così potente che le puoi schivare,
anzi che sei così malvagio ed empio che ti potresti a tua volta vendicare,
raddoppiando la mia dose di sciagure o tagliandomi addirittura a fette…
Ma, finché campo dallo scagliarmi contro di te non mi puoi rattenere!


8° classificato

Matteo Kettmaier

Il mattino della città

Molto sotto a un soffitto di ametista
bagnata, si ripete la commedia
perpetua, e tento di fuggire
rincorrendo un frammento di
sogno che fugge negli angoli verdi
degli occhi di una ragazza. La scommessa
sulla vita di un barbone ancora
dormiente accoglie barcollii di
corpi appesantiti e rinate
consapevolezze che schiacciano teste
sotto il piede del pentimento. Col dolore
del bambino che nasce, la vita riprende
i suoi posti – tutti giusti! – e, bagnati di placenta notturna,
ci disperiamo, e strilliamo prima
di rassegnarci alla luce di
una vita che non ci appartiene.


9° classificata

Katia Paola Elena Righini

Gli aquiloni

Vola alto e nero il mantello che portiamo
a fare ombra al nostro cammino
a oscurarci la vista del cielo e
degli aquiloni in aria librati.
La corrente del fiume trascina con sé le nostre canzoni
mentre dalla sponda, in elegante grigio vestiti,
stiamo a guardare.
In file ordinate siamo pronti a marciare
il futuro in tasca in una bibbia già scritta
e nessuna incertezza sulla via da seguire.

Vola alto il mantello e nero
sul cerchio delle nostre vite
ormai spezzato
sulle nostre intenzioni
abbandonate al vento
come un palloncino
sfuggito in un baleno
dalle mani di un bambino.


10° classificato

Matteo Tabacchini

Efumnion

La nostra corona
è il filo spinato
dell’immaginazione
non occhi per vedere
ma nevrotici bulbi
di vetro

Signore pietà.

L'Albo d'Oro:
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2017 XXI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2016 XX Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2015 XIX Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2014 XVIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2013 XVII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2012 XVI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2011 XV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2010 XIV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2009 XIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2008 XII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2007 XI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2006 X Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2005 IX Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2004 VIII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2003 VII Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2002 VI Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2001 V Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 2000 IV Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 1999 III Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 1998 II Edizione
Premio Letterario Internazionale Il Club dei Poeti 1997 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153