Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 1998
III Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre 1998
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Risultati

Classificati:


  • 1° classificato Alessandro Centinaro di Ascoli Piceno con Mal d’Africa
  • 2° classificato Anna Maria Monchiero di Sorbara (MO) con Vecchio
  • 3° classificato Adriano Scandalitta di Mortara (PV) con La felicità
  • 4° classificato Silvestro De Simone di Terracina (LT) con Il lago dorato
  • 5° classificato Costanza Chiapponi di Alessandria con Piccolo testamento inutile
  • 6° classificato Matilde Maria Abrile di Castellazzo (AL) con Fiori d’inverno
  • 7° classificato Michela Alesi di Sannazzaro De’ Burgondi (PV) con Identità
  • 8° classificato Giuliano Corsi di Martinsicuro (TE) con La malinconia del mio cuore
  • 9° classificato Ada Paonessa di Celle Ligure (SV) con Volevo
  • 10° classificato: Simonetta Barsotti di Livorno con Dalla pianta dell’Era


Segnalati:


Mario Capucci di Lugo (RA) – Marco Damilano di Tortona (AL) – Roberta Degl’Innocenti di Firenze – Franco Gilardetti di Massa e Cozzile (PT) – Manuel Leccese di Trino Vercellese (VC) – Bruna Luciani di Pavia – Eugenio Mosconi di Piacenza – Maria Pelliccia di Subiaco (RM) – Silverio Scramoncin di Roma – Mara Vitale Santoni di Belvedere Ostrense (AN)


Opere vincitrici

1° classificato

Alessandro Centinaro

Mal d’Africa

Africa di luce e tenebra, senza chiaroscuri, Africa nera,
Africa dal seno vizzo, vuota di sogni, Africa nera;
Africa dai molti fiumi, ma senz’acqua fresca o pura,
Africa dai grandi laghi di lacrime e di paura;
Africa d’innocenza, di sangue e d’infinito,
figlia d’un Dio povero, già morto o già fallito;
Africa dal cuore giovane e dal seme avvelenato,
Africa senza domani, così senza passato;
Africa che ti moltiplichi serena come i conigli,
ci son catene nuove pronte già per i tuoi figli;
Africa zattera immensa di genti alla deriva,
Africa inchiodata a vivere, Africa viva.


2° classificata

Anna Maria Monchiero

Vecchio

Seduto al sole
sul bordo di una panchina

con lo sguardo attonito
immerso nel passato
nella giacca informe
respiri meccanicamente
una folata di vento
che ti respinge ti rifiuta.
Il tuo volto contratto
ha fame di carezze
sete di affetto
ti è sfuggita l’estate
trascinato nel rigido inverno
delle foglie secche e morte
ma in questo tardo pomeriggio
l’immediato ricordo di ciò che eri
rende attuale e presente
il mio domani
quando domani
Io sarò in piedi innanzi a te
e Tu sarai curvo

Seduto al sole
sul bordo di una panchina.


3° classificato

Adriano Scandalitta

La felicità

Ho visto la felicità
camminare a piedi nudi,
capelli al vento,
tra prato in fiore
e con il verde in tasca

Ho visto la felicità
scaldarsi ad un raggio di sole
e nutrirsi con un tozzo di pane

Ho visto la felicità
attenta alla buona parola,
desiderosa di esprimere
con il canto la sua gioia

Ho visto la felicità
stringere le mani più deboli,
chinarsi premurosa
sulle persona
sulle persone più indifese

Allora ho compreso
che la felicità è parca,
è docile, è disponibile;
la felicità è amore.


4° classificato

Silvestro De Simone

Il lago dorato

Sulla sponda del lago
dove acque morte
sciacquano fra le canne
l’ora scorre
dolcemente assorta
in una vaga malinconia.
L’airone distende
lento il suo volo,
due vele bianche
scivolano silenziose
sui raggi d’oro
adagiati sull’acqua,
le nuvole in cielo
passano e vanno.
Ora che tace il canto
degli uccelli lacustri
s’ode solo fra gli alberi
un frusciare leggero,
un respiro breve
di piccole foglie,
impalpabile come il sogno
che sotto le palpebre
percorre la notte,
quasi una voce divina
che soavemente introduce
ai misteri dell’anima.


5° classificata

Costanza Chiapponi

Piccolo testamento inutile

Scavatemi una fossa
in mezzo al cielo:
è lì che voglio giacere
e non nella nera terra
dove muore la morte
e nasce la vita.
Io voglio giacere nel cielo
in pace.

Scavatemi una fossa
in mezzo al cielo
e di lì pioverò a settembre,
di lì silenziosa
penetrerò tra i girasoli
e scalderò la terra.

Scavatemi una fossa
in mezzo al cielo:
non papaveri
non giacinti
pietosi copriranno la mia tomba,
non viole.
Ma solo nubi bianche
come greggi,
solo soffi di vento e di luce.

Scavatemi una fossa
in mezzo al cielo
e giacerò tra gli occhi d’oro
del dio del cielo
o in un sepolcro odoroso
dove solo leggerissimi soffioni
potranno raggiungermi.


6° classificata

Matilde Maria Abrile

Fiori d’inverno

Fiori sempre nuovi
crescono ai bordi delle strade,
danzano sull’esile stelo
sospinti dal vento.
La nebbia delle lunghe notti
li avvolge nel suo morbido mantello.
Ciniche automobili in fila indiana
illuminano le piccole sagome d’argento.
Alcuni passanti li colgono in fretta
per gettarli subito via,
nel mare dell’indifferenza.
I fuochi accesi non riscaldano
gli aridi cuori,
la paura trafigge l’anima.
I pensieri frugano nei bagagli vuoti
di un passato che non c‘è
e del futuro che sarà.
L’aria gelida d’inverno
soffia sui giovani fiori
fino a dissolverli nel nulla.
Con il primo sole del mattino
rifioriranno sulle onde del cielo
come stelle,
venute da lontano.


7° classificata

Michela Alesi

Identità

Anche oggi.
Mi sto cercando dentro un libro,
dietro una lente,
davanti al volante della mia macchina.
Anche oggi mi sto cercando
sopra un foglio bianco che attende,
come un passeggero l’annuncio del treno.
Mi sto cercando in fondo al cassetto fra
l’odore pungente del legno e
le parole scartate,
stanche,
inutili.
Stanca, anch’io, e
se servisse a qualcosa o
se passasse qualcuno a dirmi che no servirà a niente,
a dirmi che ogni essere umano, tanto,
non ritrova mai se stesso,
a dirmi che non sono altro che un mazzo di chiavi smarrito.
O un mazzo di fiori appassiti.
Anche oggi mi sto cercando ma
ogni luogo è vuoto per la mia identità,
ogni angolo, pieno per i miei sentimenti:
dovrò aspettare che si liberi un posto.
Ma non ho più molto tempo,
non ho più molti indizi.
Ancora oggi.


8° classificato

Giuliano Corsi

La malinconia del mio cuore

La malinconia del mio cuore
sfida i giorni,
la mia vita canta il mio dolore
sotto la pioggia,
dove una pietà
cerca di recuperarmi
con questa faccia
da vecchio attore,
traviata dalle tante avventure, e,
dai tanti dispiaceri.
Sempre chiaro, sempre lucido.
Avanti, vecchio ragazzo.
Quante miserie nasconde la gloria
il mio volto scavato, tragico, e,
la voce profonda
annuncia la tempesta,
la vita non è stata generosa,
i sogni sono dolci
ma difficili da realizzare,
il cielo è sempre lo stesso,
l’uomo non è lo stesso.
È difficile vivere
con tanto amore, e,
non avere una donna
a cui donarlo.


9° classificato

Paonessa Ada

Volevo

Volevo vedere un’oasi in tempesta
volevo vedere un mare in burrasca
volevo sentire il vento ululare
volevo ascoltare la pioggia cadere.
Ho visto, sentito, ascoltato.
Volevo vedere le bellezze del mondo
e sei arrivata tu…
cristallo di sole.


10° classificato

Simonetta Barsotti

Dalla piana dell’Era

S’inerpica, curva dopo curva, la strada che
dalla piana dell’Era porta Volterra

Quanti odiati ritorni,
gli occhi a cercare appigli
di là dalle tacite prode
oltre i pagliai dei rari casolari
oltre i voli dei passeri

E sempre mi stupisco del turista
fermo a immortalare le campagne
che la pecora asciuga palmo a palmo intorno
e quelle Balze, zolla friabile
che si frana addosso come il suo Tempo
bocca dai contorni disuniti
spalancata sui quadrati oca
che rattoppano la tela della terra fino al mare

Qua e là un filare di cipressi
memoria di chissà quale pennello
s’alza sulle punte a far da scudo all’ultimo
fagiano inseguito dallo sparo
mentre dall’alto della sua maestà
la Chiesa di San Giusto preannuncia il vecchio
borgo
minuscola periferia della Città Etrusca
che recintò con le sue pietre il mio crescere ribelle

Chi sale al Colle dalla piana dell’Era
sospira e cede al fascino dell’insolito
paesaggio
Non io
che ancora ritrovo l’antica angoscia
curva dopo curva, dosso dopo dosso


L'Albo d'Oro:
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2017 XXII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2016 XXI Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2015 XX Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2014 XIX Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2013 XVIII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2012 XVII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2011 XVI Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2010 XV Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2009 XIV Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2008 XIII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2007 XII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2006 XI Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2005 X Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2004 IX Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2003 VIII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2002 VII Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2001 VI Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 2000 V Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 1999 IV Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 1998 III Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 1997 II Edizione
Premio Nazionale di Poesia Ottavio Nipoti - Città di Ferrera Erbognone 1996 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153