Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2001
VI Edizione

Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2001
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

Antologia – Clicca qui per vedere l’antologia

Premiazione – Si è tenuta sabato 15 dicembre 2001 alle ore 15,30 a Melegnano (MI), presso il Salone Predabissi – via Frassi, 2 angolo via Predabissi.
Tutti i partecipanti hanno ricevuto una copia della rivista Il Club degli autori con i risultati del concorso.

Risultati

La Giuria della sesta edizione del Premio di Poesia Poeti dell’Adda 2001, presieduta da Massimo Barile, dopo attenta analisi e valutazione delle opere pervenute ha stabilito di premiare le seguenti opere:


CLASSIFICA


  • Opera 1° classificata: “Creazione di un nuovo mondo” di Simone Galaurchi, Viareggio (Lucca)
  • Opera 2° classificata: “Lo straccio” di Filippo Bonaventura, Mira (VE).
  • Opera 3° classificata: “Seasonal decrease” di Egidio Belotti, Fossano (Cuneo).
  • Opera 4° classificata: “Sogni” di Roberto Silleresi, Baganzola (Pr)
  • Opera 5° classificata: “Luci e ombre” di Margherita Biondo, Agrigento;
  • Opera 6° classificata: “Le pareti fragili del cuore” di Adriana Scarpa, Treviso;
  • Opera 7° classificata: “Le parole che non t’ho mai detto” di Marilena Rimpatriato, Torino;
  • Opera 8° classificata: “Nel silenzio” di Anna Maria Monchiero, Sorbara (Mo);
  • Opera 9° classificata: “Sogno” di un’analisi di Andrea Bartoli, Osimo (An);
  • Opera 10° classificata: “ARS poetica” di Massimiliano Badiali, Arezzo.


Sono segnalati dalla Giuria con attestato di merito:


  • “Come pettine dismesso” di Domenico Bisio, Fresonara (AL);
  • “Depressione” di Antonio De Lucia, S. Maria a Vico (CE);
  • “Novembre” di Marco Proietti, San Donato Milanese (MI);
  • “Il pensiero fisico” di Silvana Varotti, Ravenna;


La cerimonia di premiazione si è tenuta sabato 15 dicembre 2001 alle ore 15,30 a Melegnano (MI), presso il Salone Predabissi – via Frassi, 2 angolo via Predabissi.


Opere vincitrici

1° classificato

Simone Galaurchi

Creazione di un nuovo mondo


Sognando la vita
immagino una cripta satura di colori e aromi,
che scacciano la morte creando l’esistenza.


Sognando di essere qualcosa
mi rendo conto di essere un crogiolo ricolmo di sangue
dove talvolta, emergono dei rimpianti,
per dei problemi mai affrontati
o soltanto immaginati, per rendere la zuppa diversa.


Sognando dei privilegi,
credo di perdermi tra le cose che vorrei,
quelle che mi perseguitano,
quelle che di sicuro non avrò,
oppure che non so di avere.


Senza accusare nessuno della mia mortalità,
cedo al dolore della carne,
che talvolta si accanisce su di me
sradicando dalla mia povera anima
anche l’ultimo grammo di comprensione
che gradirei mantenere per poterlo concedere
per chi di sicuro, dovrà giudicarmi.


Senza aver risolto alcuno dei dubbi che mi perseguitano
mi appresto a tornare nella mia cripta,
piena di immagini che solo io posso vedere
di sapori che posso gustare
di colori che velano la malinconia.


Spero di riuscire ad addormentarmi,
così da dimenticare le parole
per sforzarmi di ricordarle,
così che possano diventare dei ricordi
Gioire per la creazione di un nuovo mondo.


2° classificato

Filippo Bonaventura

Lo straccio


Vago solo e dimentico nella terra di nessuno,
tra la ghiaia che scriccia sotto i piedi,
abbacinata dall’arsura delle strade dei campi;
tra il riverbero che sale di calore,
sì che par frondino le foglie, ma di mia illusione;
tra la cappa d’afa che languisce e che si stende
sull’erba discolorita al mezzogiorno;
tra i sepolcri grigiastri del seme di spiga,
smossi appena dalla lama che sgretola,
crepati come pane raffermo;
sul sentiero azzimo che spacca, sul silenzio delle cose
che svengono, e si sfanno, e si dischiudono
in una dimensione distorta, svomerata
dalla calura desolata dell’estate.
E dimentico la vita, franta nel petto dalle cose
che si perdono come lacrime tra la pioggia.
E dimentico quel poco di cosa che anch’io sono,
ma rimango, e m’affonda nel buio caduto del cuore,
nell’abisso gelido e metallico un groppo d’asma,
il ciottolo di saliva che arso mi sciacqua nell’umido fondo.
Sciacq! Si fa la sera umida e grigia, le cose si condensano,
io mi raddenso nel mio dolore di uomo
sopra il duro dell’asfalto che non bagna.
E l’asfalto specchia nei grumi densi
che brombano di scuro, oltre la vita.
Che presto scrosciano e rovesciano,
pozzangherano la terra che non pregna,
si buttano a dirotto sui miei panni,
tamburano la mia pelle ebbra di vita
per danzare lontano il caldo fermo.


Ma infine mi ritrovo e ritorno al buco celeste,
al vuoto consueto delle parole riaffiorate.
E perdo la cosa, come sempre, mi rimane solo
uno straccio di caldo bagnato, qui nella terra di tutti,
tra le cose che tutti sanno e non dimenticano.


3° classificato

Egidio Belotti

Seasonal decrease


E l’afa su questo dischiuso
strepito in penombra affonda
le stagioni trascinate sulle membra
sottili a prosciugare troppi
inverni ripiegati nelle aguzze
ali di farfalla, ma quante rughe
di coscienza non scorgo più
in questi fondali frantumati
mentre precipitano ancòra
i raggi più indifesi a dilatare
le innocue nubi dei tramonti
e aghi di pino e visi di donne
inginocchiate su ombre
intense di cortecce adolescenti:
ora che sai quanto la veglia
fatichi a diventare voglia,
ascolta le voci spettinate
misurare chete vuoti riverberi
di storie e dipanare quest’opaco
filo che mi brucia tra le dita ferme,
ma suppongo sia tardi, troppo tardi
per avvolgere il presente con suoni
di violino seppelliti da cocciute
impronte di silenzi trasparenti dove
puntuale affiora nitida questa nostra
liquefatta decadenza stagionale
inesorabile sul palpito del vento
muta come un tranquillo pipistrello
incredulo nella sua ultima veglia
equinoziale: ma fino a quando
così ostinata sul valico del tempo…


4° classificato

Roberto Silleresi

Sogni


Ho smesso d’inseguire i sogni,
mi basta alzare il volume del silenzio
ed aspettare che si posino sulla parete.
Sfilo la matita dai capelli
e ne contorno l’invisibile struttura
Talvolta sono alianti color del sole,
altre, aquiloni senza filo, in stallo
sugli slarghi gerbidi della mia anima.
Nella chiocciola del tempo migratore
srotolo – adagio – fondali di cartone.


I miei sogni non sono il corrimano
d’una mente insonne,
provengono da un inverno disciolto
che rammenda sdruciti ricordi.
Sono briciole di una notte
da accogliere con l’alibi del sorriso.
Mi sento coetaneo della luna,
mi riconosco in una lacrima del mare.
Rispondo alla voce elegante del risveglio,
straniera poesia inguantata nell’alba.
E m’accorgo di pensare
in una lingua che non conosco.
Registro le umane nequizie
senza provare nostalgia del futuro.


5° classificata

Margherita Biondo

Luci e ombre


Dovrei scaraventare dal balcone
mendaci Amorini maliziosi
e lasciare gli idilli ai sognatori.
Vorrei essere Sibilla del mio dire
mentre digrigno i denti
senza baciare labbra carnose
e rinchiudo il peccato
in una suite scarlatta
dove gusto l’oppio del piacere
in fleboclisi che singhiozzano
tra vene solitarie.
Tuttavia brucio incenso
nel turibolo della speranza
perché permanga nello sguardo
un bagliore d’ametista
anche quando l’austerità
busserà sui miei capelli
bruniti da gialle ciocche.


6° classificata

Adriana Scarpa

Le pareti fragili del cuore


L’onda danza il flamenco
dall’ombra alla luce si avvolge
risacca-fusciacca annodata
a fianchi di pallida rena.


E già si fa notte.
Occhiplatino punteggiano il buio.
Come tutto ora appare diverso!
solo in noi il tempo
lascia aperte le ferite di sempre
e viviamo
fingendo di credere
che un fiore spunterà sulla piaga.


L’acqua compie i suoi riti
stanotte. Arcangeli platino
vi spargono sopra
riflessi di stelle lontane
però lo smeraldo dell’alga
non sa levigare
i ciottoli aguzzi
che feriscono.


Perché rammentare allora
l’intrico di rami del salice
ricordare stagioni perdute
se la realtà
è questo reticolo di vene
che mette allo scoperto
dolorosamente
le pareti fragili del cuore.


7° classificata

Marilena Rimpatriato

Le parole che non t’ho mai detto


Mute sillabe che danzano
nel pentagramma dell’anima
che turbinano discrete
da uno spartito d’ombra.


Parole arcane
alle quali non si può dar voce
ma che esplodono negli occhi
quando la segreta moviola dei sogni
scorre lungo il perimetro della coscienza
tratteggiando un ipogeo film muto.


Le parole che non t’ho mai detto
sono grida incoerenti
di cui tu non puoi neppure sentire l’eco,
sono sogni di vetro
che scintillano di luci
da nessun sguardo mirate,
sono vascelli arenati nella sabbia degli anni
che ospitano fantasmi di naufraghi
inghiottiti da una tempesta.


Non temere:
non sarò preda dei miei turbini.


Nel mio mare oggi
c’era soltanto una vela
che fendeva venti fatti d’illusioni.


Tu l’hai afferrata.


Ora ondeggia affranta
in un lago silente.


8° classificata

Anna Maria Monchiero

Nel silenzio


Sapevi di trovarmi
qui tra silenzi
spezzati e ricomposti
a trasformare l’impalpabile
in dolci armonie
ancora imprigionate
su un pentagramma
dai labili segni.


Prendi il silenzio
che brucia su altari
pagani e disperdi
il sapore aspro
di parole pungenti
nel vento gitano.
Forse ti giungerà l’eco
di ogni lamento.


9° classificato

Andrea Bartoli

Sogno di un’analisi


Sotto una romantica pioggia di sangue
un mio istante,
incoerente.


Presente inciso di passato,
luci all’orizzonte di una nuova alba.


In strascichi di fantasie
le mie risa,
racchiuse.


Bendate le mie idee,
capovolti i miei sogni
in fragilità collegate al mio essere.


Dio di una terra parallela
nascosto con vesti di scena.


10° classificato

Massimiliano Badiali

Ars poetica


Non c‘è più fremito
In questi versi
Né qualche ipotesi d’incantamento.


Lascio scorrere
Note sul pentagramma del fato
Su soffi soluti di certezza
Ove s’increspa
aspro come una spirale
il punto
a conchiudere la frase.


Non resta che il fioco e il tremulo
lume della parola
dentro la sinagoga
del pensiero,
tra le unghie dei versi.


Segnalato dalla Giuria

Domenico Bisio

Come pettine dismesso


Come i radi denti
del pettine dismesso
ogni giorno lascio
sempre più spazi
alle pieghe delle tue malinconie
e nodi d’amore
non so più allentare
all’energico ripassare degli anni.
È giunto il tempo
di togliermi parrucche
che ricoprono sparuti giochi
di doppie punte
e a capo scoperto
riconoscermi nella debole peluria.
Non ti sia così grave
allontanarmi la schiavitù
di costringermi a subire
una perfezione
che non è più mia.


Segnalato dalla Giuria

Antonio De Lucia

Depressione


Per gli aspri sentieri risale quel vento
che scava il tuo viso e ti gela le mani
e poi scala i dirupi e s’afforza violento,
s’addentra con furia negli antri montani.
E l’acqua ristagna o riprende a fatica,
si sperde nel muschio poi gocciola via,
s’appende ai ghiaccioli, riluce pudica,
s’aggiunge gli umori dell’erba stantia.
Quel freddo, quel gelo, quel vento
ti scende nel cuore, t’avvolge la mente
e dell’ore d’angoscia riappare il tormento.
Riscopri la noia e la voglia di niente,
ti senti vicino alla fine, all’addio,
ti perdi nel tempo, ti appressi all’oblio.


Segnalato dalla Giuria

Marco Proietti

Novembre


Ti cercavo
nel crepuscolo annegato dal dolore
tra volti sconosciuti
brama di una preghiera,
ti cercavo.
Tra i miei passi lenti sul viale
e i cipressi come scudieri
tra stelle tremolanti in terra
unico fuoco all’imbrunire.
Ti cercavo mia dolce amica
tra i ricordi che grondano lacrime
un brivido, un sussulto, un viso angelico
e all’improvviso, un sorriso spezzato
e in terra i suoi balocchi conficcati nel mio cuore.
Ti cercavo
tra le mie mani tremanti
a ghermire polvere sollevata dal vento,
un contatto rassicurante
i capelli dei figli miei tra le dita.
Ti cercavo,
qui tra le stelle tremolanti
che ancora illuminano il sentiero
ed in fondo oltre il cancello
dove lentamente si fa notte.


Segnalata dalla Giuria

Silvana Varotti

Il pensiero fisico


Nasce dalle viscere, attraverso gli occhi
sembra salire nel cervello,
formidabile centrifuga, abile alchimista,
che ogni elemento mescola e combina,
elabora e, come una cascata, la miscela
scende lungo la spalla, attraversa il braccio,
da’ impulso alla mano che scrive,
scrive, solo con una semplice penna.
Nulla deve interrompere questa catena,
nulla d’innaturale, di tecnologico.
Solo una penna, una matita o un sasso.


L'Albo d'Oro:
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2019 XXIV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2018 XXIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2017 XXII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2016 XXI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2015 XX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2014 XIX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2013 XVIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2012 XVII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2011 XVI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2010 XV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2009 XIV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2008 XIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2007 XII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2006 XI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2005 X Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2004 IX Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2003 VIII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2002 VII Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2001 VI Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 2000 V Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1999 IV Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1998 III edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1997 II Edizione
Premio di Poesia Poeti dell'Adda 1996 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2018 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153