Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2008
X Edizione

Ultimo aggiornamento: 26 Marzo 2010
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

ANTOLOGIA – In spedizione dal 25-05-2009 al 02-07-2009 – Clicca qui per andare alla pagina dell’antologia
RISULTATI La Giuria ha ultimato i lavori per arrivare a determinare la classifica finale del Premio. I premiati riceveranno a mezzo posta l’invito a presenziare alla cerimonia di premiazione.
IMPORTANTE La cerimonia di premiazione si è tenuta a Monza, sabato 29 novembre 2008.

Risultati

Risultati della Xª Edizione del Premio Internazionale di Poesia «CITTÀ DI MONZA 2008»
La Giuria del Premio ideato e promosso dal Cenacolo dei Poeti e Artisti di Monza e Brianza con il contributo e il Patrocinio del Comune di Monza e del «Club degli Autori» di Melegnano, composta da: Presidente Onorario Vincenzo Consolo (romanziere saggista), Presidente effettivo Beppe Colombo (già Direttore della Biblioteca Civica di Monza), Maria Organtini (poetessa e Presidente del Cenacolo P.A.M.B.), Mario Biscaldi (poeta e pittore), arch. Elisabetta Bosisio (pittrice), prof. Sergio Gandini (poeta e pittore), Antonello Sanvito giornalista, (caposervizio de “il Cittadino”), Maria Grazia Crespi (musicologa), Rita Corigliano Nobili (segretaria, con diritto di voto); rende noto quanto segue.
Hanno partecipato n° 418 autori di cui n° 38 della Sezione Giovani per un totale di n° 600 testi; provenienti oltre che da tutta Italia anche dall’Inghilterra (Londra) dagli USA (Newburgh). Dopo attenta valutazione sono risultati vincitori:


Sezione Adulti

  • 1° classificato: Antonio Capriotti di San Benedetto del Tronto (AP) con «Ricordando Pavese». Motivazione: «Solenne elegia di commemorazione del centenario della nascita di Cesare Pavese, stesa con il tono dimesso e doloroso di chi ha appreso l’alta lezione letteraria ed umana di un grande scrittore». Vince Euro 600,00 offerti dal Comune di Monza – Coppa – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 48 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista «Il Club degli autori», sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 2° classificato: Antonio Pistillo di Monza (MI) con «Viaggio nel luogo natale». Motivazione: «Il ritorno ai luoghi cari dell’infanzia è descritto con affettuosa ironia, sottolineata da rime e assonanze che fanno della poesia un nostalgico saluto alla città di Marsala e uno struggente rimpianto della adolescenza perduta». Vince Euro 400,00 offerti dal Comune di Monza – Coppa – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 3^ classificata: Emilia Fragomeni di Genova con «Le ombre del silenzio». Motivazione: «Delusioni, rimpianti, emozioni, ricordi. Un insieme di sentimenti affiora da versi sofferti e offerti a un misterioso interlocutore, prima che affondino inesorabilmente nel silenzio». Vince Euro 200,00 offerti dal Comune di Monza – Coppa – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 4^ classificata: Marzia Pirastru di Cagliari con «More di rovo». Vince: Attestato di merito – Coppa – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 5° classificato: Antonino Mento di Milano con «Silenzi». Vince: Attestato di merito – Medaglia – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 6^ classificata: Sonia Scandella di Serra Riccò (GE) con «A te, che rimani»
  • 8^ classificata: Giuseppina Sisca di Castrovillari (CS) con «Zolla di carne»
  • 10^ classificata: Daniela Raimondi di Londra (UK) con «La cella di mia madre»


Gli Autori dal 6° al 10° classificati vincono: Attestato di merito – Medaglia – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet


Sezione Giovani

  • 1° classificato: Daniele Armando di Caraglio (CN) con «Oceano». Motivazione: «La nitida descrizione di un’alba marina mostra la singolare sintonia della psicologia del giovane poeta con lo spettacolo affascinante dell’oceano placato dopo la tempesta, colto con precisa attenzione e con straordinaria capacità creativa di suggestive metafore». Vince Euro 250,00 offerti dal Comune di Monza – Coppa – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 100 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 2° classificato: Mario De Rosa di Meta (NA) con «Madre». Vince Euro 150,00 offerti dal Comune di Monza – Coppa – Attestato di merito – Pubblicazione di un libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit di cui 50 copie vengono assegnate all’autore – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 3^ classificata: Giulia Matteoli di Pontasserchio (PI) con «Cielo e inferno». Vince Euro 100,00 offerti dal Comune di Monza – Coppa – Attestato di merito – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 4^ classificata: Stefania Biscardi di Terranova da Sibari (CS) con «Paese mio». Vince: Attestato di merito – Coppa – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet
  • 10^ classificata: Vittoria De Lutiis... di Torre de’Passeri (PE) con «Diamante infranto»

Dal 5° al 10° classificati vincono: Attestato di merito – Medaglia – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet

  • Premio speciale in memoria di Augusto Robiati a Giulio Redaelli di Albiate (MI) con la poesia «Fotografie». Motivazione: «Poesia di immagini e rimpianti legati al quotidiano vivere, espressa con sentimento nel ricordo dei propri cari, con appropriata ed elegante forma poetica». Vince: Attestato di merito – Targa – Pubblicazione della Poesia premiata sulla rivista Il Club degli autori, sull’antologia del Premio e sul sito Internet


La Giuria si è dichiarata soddisfatta per l’elevato numero di partecipanti e del buon livello qualitativo dei testi proposti, le tematiche attinenti alla quotidianità e ai luoghi della memoria.

La cerimonia di premiazione si terrà sabato 29 novembre alle ore 21 presso il Teatrino di Corte della Villa Reale di Monza.

Opere vincitrici

Opera 1^ classificata Sezione Adulti

Antonio Capriotti

Ricordando Pavese

- ripeness is all.
Dolente resta limpida memoria
dell’autore schivo, timido
e tragico cantore che attingeva
agli inferi del mito per narrare
turbate visioni di campi
e città: arcadie di dannati
ed elisi urbani d’angeli
feriti – la solitudine
umano destino e il vivere prono
ad assidua implacabile fatica.

Ai giorni chiedeva invano
smentite, e dai disinganni
trasse poesia e coscienza
chiara di maturità
che per lui fu tutto: un gesto
disperato nella sera, e discese
nel gorgo ombra fiera
cercando occhi d’amore
e l’abbraccio profondo
della terra – da cui ora s’innalza
segreto respiro, insonne
a sfiorare il transitante
fisso compiersi di fati
e di stagioni: alito e impronta
di presenza numinosa lassù
– genius loci sui colli
dove eterna splende la Luna
ed inquieti vacillano i falò.

  • nel centenario della nascita.


Opera 2^ classificata Sezione Adulti

Antonio Pistillo

Viaggio nel luogo natale

Anche stanotte c’è vento qui a Marsala
di quello forte e insistente che ti confonde
salgo nel silenzio salmastro la scala
entro e ripercorro l’adolescenza alla fonte
apro la porta di casa e quatto mi infilo
evito a memoria sponde e antichi spigoli
la poltrona e di traverso l’asse da stiro
in cucina la frutta buona e i ninnoli ridicoli
per terra le scomposte scarpe di mio padre
lo sgocciolio del rubinetto che non sa stringere mia madre
le orme tra i mobili di coniugali latrati striduli
tragitti di passato e psicanalitici tristi vicoli
sulla tavola a fette l’insuperabile pane locale
per cui può venire il dubbio di tornare
i tubi fuori le mura in bagno per risparmiare
la doccia rotta da tanto da parere normale
la sensazione del vento e il suo sibilante respirare
nel vortice di polvere, foglie, sale e pensieri
e nel naso il gusto del mare che chiama all’altare
fante, cavallo, l’insoddisfazione e i suoi cortigiani neri
e per miracolo la raminga voglia di accettare
di bruciarli con gelsomino, scorze d’arancia e rose
e la vampa, fresca e piana e i misteri
i sorrisi più veri, i benvenuti perdoni forestieri,
e la folgorazione che improvvisa non propose
ma pose
l’amore
su tutte le cose.


Opera 3^ classificata Sezione Adulti

Emilia Fragomeni

Le ombre del silenzio

Sono tornata ancora, nella brezza
del rimpianto, per parlarti dell’ansia
dei miei giorni, che il tempo ha ricolmato
dei tuoi silenzi.
Vienimi accanto e accogli la freschezza
che il vento, dolce, m’insemina negli occhi.

Ancora canta l’anima che non sa
piegarsi al tempo. Ancora spera.
Vorrebbe dirti tutta la sua attesa
e il suo sostare dietro a una porta chiusa
da chiavistelli forgiati nel mistero…

Noi avevamo tutto un giorno da godere,
ma lo sciupammo a contemplare l’ora.
Ed è… già sera!
Ciò che fu vita ormai discende muta
negli ambigui recessi del passato.
Diventa goccia che evapora,
nel palpito del sole, in sale amaro.

Ma la memoria raccoglie ancora
frammenti di emozioni che fluiscono
lente in acque scure e dense.
Procedono le ombre nell’oscurità
del silenzio. Vanno verso diafane
apparenze, ignari avanzi di attimi vissuti,
scarne tracce del naufragio degli anni.

Si smarrisce dentro transiti ignoti
la mia anima. Si fa pallida attesa
del soffio luminoso di una voce,
sepolta nell’oblio della mia terra.

Resta solo… la rappresaglia del silenzio,
che arrossa deserti di gelo.


Opera 4^ classificata Sezione Adulti

Marzia Pirastru

More di Rovo

Preziosi ed inutili fiati,
tempestati di canditi e gioie,
marinati nell’ansia
del tempo che attende,
dell’ipotetico in avvenire dispotico.
Fiati interrotti
dalla sospensione dell’essere
in attesa d’un torrido avere.
More di rovo
raccolte di vespro,
tra sangue e succoso sciroppo;
suggendo dalle dita l’asprezza
di un respiro non colto,
strappato ad ombre e colori;
di un frutto
assaporato d’un fiato,
tra ondate di gustoso piacere
e disdicevoli amarezze.
Un estenuante rifuggire le ascese
dagli inferi agli infermi picchi
di una gustosa leccornia
che s’esaurisce consumandoci.
E rimpiangere
di non essere,
volgendo al termine,
trascurando che siamo,
per chi gode di noi
in ogni presa d’ossigeno,
un frutto dolcissimo,
un fiato infinito.


Opera 5^ classificata Sezione Adulti

Antonino Mento

Silenzi

Scorrevano, nello spazio inerte,
sorgenti, fili di luce,
come tracce di ricordi
perduti nella sera
Una parabola, di prostrazione muta,
espone ombre, scevri degli ozi
di madri orfane di ottusa innocenza.
Silenzi, riflessi in specchi,
sprovvisti di piaghe, cercano invano
una perpetua allegria.
Percorsi affamati, come acqua assordante,
inseguono vizi in labirinti di coscienza.
Ritorna il buio
che lacera il tramonto sprovvisto di carezze,
momenti di oblio,
nel movimento di un intimo dolore.


Opera 6^ classificata Sezione Adulti

Sonia Scandella

A te, che rimani
(alla mamma di Veronica)

Chinano il capo i girasoli,
al sopraggiungere della resa:
luce spenta sul tuo cuore livido
che muove appena.

L’inverno precoce, allunga le ombre
sbiadisce i contorni,
strappa semi alla terra,
anestetizzando il dolore delle tue mani
il tormento dell’anima

Nel buio dell’abbandono,
cruda, batte la vita:
tonfo sordo, eco di dolore
disciolto in deserti comuni,
in eterni perché dispersi.

Lento sopravvivere ai giorni,
in fuga da inutili domani
sotto il peso di un sole di piombo
che non rischiara gli squarci di grano,
le carezze ferite,
i tuoi occhi sgomenti
oltraggiati dal bagliore feroce dei papaveri

Eppure,
credi, risorgerà la speranza,
ostinata come l’acqua,
quando incide sentieri nella roccia,
con un silenzio che assomiglia ad un canto,
persuaderà il tuo sguardo remoto
a riconoscere varchi di luce
per soffiarti contro,
inattesi respiri.


Opera 7^ classificata Sezione Adulti

Filippo Finardi

Le tue mani

I lenti gesti delle tue mani coronano
il tuo sorriso che illumina il mio volto
come frammenti di una storia breve
eppure lunga quanto la nostra vita.
Era il tuo fiato o un sussurrato sospiro
che mi alitava lieve a reggere il peso
di una inutile vita trascorsa a contemplare
il mondo e descriverlo nell’angusto silenzio
di una stanza dove mormorano libri e tomi
a ricordarmi l’imbrunire della sera
e la prossimità della notte, quando, tremando,
forse, passerò il confine di una falsa apparenza
di realtà illusorie, dissolte oscurità, tenebre
immote, dolcezza soffusa, per giungere
ad un silenzio di armonie dove luna e sole
e stelle sono tutt’uno nella minuscola vastità.
Luoghi di vertigine nella lontananza di felici
incontri hanno scandito la mia vicenda
di randagio, fra solitudine interrotta
appena da quell’immensità così profonda
e sofferente in anni ormai perduti
dove s’è frantumato il tutto in grandi
spazi e pure le parole che dicemmo
per concretare amore, lacerate sommergono,
divelte e sole, in voragini di cieli,
dove declina veloce lo spettro della vita.


Opera 8^ classificata Sezione Adulti

Giuseppina Sisca

Zolla di carne

Zolla di carne
nelle distese del cielo arato:
il cuore è un gocciare di solitudini
aperte ad accogliere il seme
profondo degli incontri.
Ma quanto raccolto si perde
nel tempo affollato di buio!
S’insinua invece in petto la radice
che fiuta l’odore delle acque.
Ed una rete di relazioni germoglia
da ogni sorriso volto alla tua luce.
Rinverdire i sogni
è l’unico mestiere che conosci
in questo mondo immemore e sconfitto
che ha smesso di vestire la poesia
in quanto nudità del sentimento.
Più spesso usa parole senza volto
digitalizzate e smorte
per coprire di maschere i silenzi.
Cuore,
all’ombra delle tue navate avverto
passi d’angeli scalzi
condurmi in una fioritura il sangue.
Nell’eterno bozzolo di primavere
linfa matura in segreto un volo:
ali destinate al battito del cielo.
Quando piogge torrenziali
flagellano le foglie del tuo amore
ed il dolore disumano ti indurisce
in una scheggia tagliente di rubino,
altre rotte nascondi nelle vene
ed il fuoco s’assottiglia ma non muore.
Da sempre il tuo istinto è la bellezza
attinta a pieno senso in ogni dove
ed il coraggio è ardore d’albe nuove
arrese all’innocenza ed al perdono.


Opera 9^ classificata Sezione Adulti

Andrea Masotti

San Pietroburgo

Sotto una volta tersa
mi guarda l’occhio azzurro della notte
scivola il battello su promesse
dimenticate
mani salutano dai ponti
poi l’estuario ci ingoia
si arrampica un sorriso
su campanili d’oro che trafiggono
poemi di silenzio
promesse nuove increspano le acque
le liceali additano felici il loro specchio:
la Fontanka verde.

Non so quando ti ammalasti
città che mia non sei mai stata
se nel desiderio di una notte
bianca di luce ed allegria
che non sa di finire
hai salutato un battello che scivola e va senza ritorno
o nel giorno più tetro
quando il cuore è un’ancora di ferro
e lo scheletro appare ai polsi
tardi conosci il moto delle stelle
le gomene già stringono l’ormeggio.


Opera 10^ classificata Sezione Adulti

Daniela Raimondi

La cella di mia madre

Ospedale di Circolo, Varese, Settembre 2007

Poca luce.
Gli oggetti chiamano
da in fondo a un’acqua scura.
Sento il respiro malato del mondo,
il battito moribondo di un male preistorico.

Le donne attendono ad occhi chiusi.
Domani le legheranno ad un asse di legno.
Sogneranno balene e delfini
sotto la museruola lucente del chirurgo.

La bianca cella di mia madre

immobile

nel centro esatto del mondo.

Ha una rosa aperta nella carne,
la notte scivola dentro il suo fianco.

Il corpo riposa.
Una goccia le cade nel sangue,
coltiva il germe della sua guarigione.

Guardo le piccole mani,
la sua bocca vuota.
Il dolore ha un peso leggerissimo stanotte,
l’odore tranquillo delle bambine.


Opera vincitrice del Premio in memoria di Augusto Robiati

Giulio Redaelli

Fotografie

Nella cornice argento di una domanda
storie strappate al vociare del mondo
– quasi un monologo di giorni persi
cammin facendo – rimessi al silenzio
immobile di una mensola lucida
che ogni cosa fa sembrare viva
Senza fretta, in penombra sedimenta
il tempo dell’assenza – trasparente velo
d’immutabile sorte –
Visti così non sembriamo polvere
È come se i nostri sogni fossero ancora lì
negli occhi, a somigliarci


Opera 1^ classificata Sezione Giovani

Daniele Armando

Oceano

Arenile di luce:
tra i segni della recente mareggiata
sprofondo ansie e paure;
respiro la chiara solitudine del vento,
calpestando friabili sabbie sbiadite.
Le acque arroganti, ora placate,
accolgono il sole che si sveglia stropicciato,
su una mattinata vestita di grigi preziosi.
Piccole onde leccano affettuose,
la battigia bagnata
e disegnano schiere d’impronte minuscole,
bassorilievi di dolcezza ripiegata.
Laggiù, nell’acqua smeralda,
guizzano veloci aneliti d’infinito
tra solitarie sirene d’infanzia.
Poi il loro richiamo tace
e torna a tuonare
la voce profonda dell’Oceano,
con le sue richieste di silenzio.
Nella luce nascente
le impronte dei miei pensieri
toccano le soffici dune della sabbia,
schiacciandole dolcemente.


Opera 2^ classificata Sezione Giovani

Mario De Rosa

Madre

Il tuo sorriso d’aranci mi squadra.
Silenziosi i tuoi occhi restano
agganciati al mio respiro, mentre io
contemplo dubbioso l’universo.

Ansimando, tutte le perplessità
del tristo mondo accorrono alla mente
mia, angolo di meditazioni semplici
e di ossessionanti interrogativi.

Tu mi guardi preoccupata, madre,
credendo di avvertire in me il dolore
o lo sconforto, ma io respingo ogni
aiuto, bisognoso di silenzio.

Non preoccuparti vanamente, madre.
Rifletto scetticamente sul cosmo
spudorato. Ma tra pochi minuti
tornerò a pensare all’immanente:

sul capo, allora, una muta carezza
mi accompagnerà, scevro da paure
che non mi spettano. E sorriderò
di nuovo nel tuo sorriso, madre.


Opera 3^ classificata Sezione Giovani

Giulia Matteoli

Cielo e inferno

Là, dove l’erba ha smesso di crescere,
quando sorge il sole
l’arida terra brucia
e il cielo‘è rosso fuoco.

Qua, dove morte e vita coesistono,
piove, mentre cammino
per i campi e gli alberi in fiore
dove un cielo nascosto
da nuvole grigie
fa trapassare appena
l’ultima luce del giorno.

Qua, a metà tra inferno
e paradiso
cerco di scorgere il cielo
e di respirare
tutta la natura,
il nostro punto di partenza,
la nostra origine,
dove un’onda
ha fatto sbocciare
un rosa fiore di loto e
ci ha fatto nascere.

Dove diventeremo
Il verde bagnato dell’erba
E un battito d’ali.


Opera 4^ classificata Sezione Giovani

Stefania Biscardi

Paese mio

Adagiato su una dolce collina,
tra la fresca montagna
e il brillo mare.
Baciato dal sole d’estate,
dissetato dalla pioggia d’inverno,
nenia di vento soffia la sera, e tu,
così t’addormenti.

Culla di gente semplice,
il cui orgoglio umano
è rivestito da sudore e dignità.
Profumi di “turdiddi” e “vecchierelle”,
spargono nell’aria
odore di festa.

Veglia il castello
sui minimizzati resti,
lasciati lì, soli,
colmi di fierezza e
fascino arcano,
sottomessi dal progresso umano,
non più parlano alla gente.

Oggi, un piccolo puntino sei.
Celato alla gente è
la tua grande virtù.
Il sogno si estende
oltre le tue mura.
Dov’è il tuo futuro
paese mio?
Dove, il tuo meritato valore?

Piccola stella di
un firmamento,
ma nel mio cuore,
sei quella che brilla di più!


Opera 5^ classificata Sezione Giovani

Francesca Grignani

Occhio

Nella trasparenza
lo sguardo
rispecchia
l’impalpabile respiro dell’anima
rivelando emozioni risalite
dal profondo sconosciuto.
Attento carpisce
ogni palpito del cosmo
nello splendore dell’elemento.
Come un mistico portale
concilia
l’infinito dei pensieri
all’immensità dell’universo.


Opera 6^ classificata Sezione Giovani

Luca Trissino

Scosse d’esperienza

Il brivido di un respiro
plasma la polvere del cuore,
custodita superbamente
da un’antica,
preziosa e unica emozione.
Provata per un’istante,
mai più sperimentata.
Vissuta poc’anzi, or addormentata.

Ho percorso
senza trovarti
il sentiero della verità.
Giacevi nascosta in un gomitolo di memorie,
nella traboccante via del tuo oblio.
Dimenticare è troppo coercitivo
per un sognatore realista,
dentro se stesso naufragato,
come in un’onda che travolge
l’innocente castello sazio
di ingenuità.

Un effìmero piacere disinvolto
si calò sulle mie membra
già perpetrate in un mondo poco opportuno,
e in un turbine ruvido
scorreva un amaro sguardo sul nulla.
Gote ormai stanche accoglievano pesanti lacrime,
avvolte in un vuoto d’indifferenza.
È ormai notte e solo le innocenti stelle
culleranno un profondo riappiattirsi d’istanti perduti.


Opera 7^ classificata Sezione Giovani

Piero Dal Tio

Contemplo
perso nell’esistenza
riflessi di chiarori
in divine lacrime.

Ascolto
smarrito
preludi d’ombre sonore
nella celeste essenza.

Aspiro
disperso nel vuoto della memoria
umide origini di vita
da ignoti ignorati.

Contemplo
riflessi di chiarori
nella celeste essenza.

Ascolto
preludi d’ombre sonore
da ignoti ignorati.

Aspiro
umide origini di vita
in divine lacrime.

Avverto
perso nell’esistenza
preludi d’ombre sonore.


Opera 8^ classificata Sezione Giovani

Chiara Franzil

Notturno

Crivellano
Miniando,
Barbagli di stelle,
I lineamenti
Della notte.

Puntellandosi
Sul quarzo sfarinato,
Si svelano
Talami acerbi,
Da refoli
Incensati.

Un aroma
Abbozzato
Di salsedine
Perspicua
L’ombra mancata.

Caracolla
Scortando,
Brezza di lino,
L’estrema chiosa
Di un notturno
Risolto.


Opera 9^ classificata Sezione Giovani

Pietro De Giambattista

Viandante

Viandante, se giungi per questa via
ferma il tuo cammino, bussa
alla porta accarezzata dal sole
del primo mattino e chiedi di entrare.

Siedi a tavola, sfregati le mani e
porta il calore del tuo cuore di viaggiatore
poiché in questa casa è sceso il grande
freddo e di duro sasso e non di sentimento è scolpita.

Ascolta il suono delle lacrime e racconta
una storia d’amore, parole che sazino
il dolore che gela l’anima.
Scaldati al piccolo focolare e
asciuga il ghiaccio di quegli sventurati,
perché hanno scordato la semplicità di una carezza e
la bontà di un sincero abbraccio.

Ricordalo tu, viandante, che non c’è pugno
più forte per un pugile di quello di sua
madre, che il freddo più grande
è quello del cuore, tu
che viaggi con il vento della notte
rimembra la mia preghiera,
poiché il mio cuore
è un solo viaggiatore
e tu sei il mio bastone.


Opera 10^ classificata Sezione Giovani

Vittoria De Lutiis

Diamante infranto

Nubi di paradiso che accolgono un cuore spezzato.
E Ali di Angeli che lo sollevano dal suo Inferno.
Senza sguardo, solo, non s’accontenta della morte.
Ch’ancora gli ricorda un antico amor perduto.

Accarezza il suo colore di diamante, pegno di dolore.
Nessuno segue la litania che danza sulle sue labbra.
Un silenzio aureo lo bacia su quella scorza dura.
Ma nemmeno un vento divino sa destarlo dal suo peggior sonno.

Né luce di pace sulla rugiada che cade a terra.
Od alito di guerra a muovere i fiori di loto.
Sussurra la Gioia tra le foglie del giardino bagnato.
Lui la respinge nascosto tra le ombre infrante.

Racchiuso in un bocciolo privato dello stelo.
Disteso sulla polvere di neve caduta per l’estate.
Percorre un viaggio per mete ancor troppo lontane.
E si culla nella vana speranza di poter dimenticare.


L'Albo d'Oro:
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2017 XIX Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2016 XVIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2015 XVII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2014 XVI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2013 XV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2012 XIV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2011 XIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2010 XII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2009 XI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2008 X Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2007 IX Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2006 VIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2005 VII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2004 VI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2003 V Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2002 IV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2001 III edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2000 II Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 1999 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153