Il Club degli Autori - Concorsi Letterari - Montedit - Consigli Editoriali - Il Club dei Poeti
Pagine viste dal 1-5-2008: _____
I concorsi del
Club degli autori
I risultati dei
Concorsi del Club
Le Antologie dei
Concorsi del Club
Tutti i bandi per
data di scadenza
Tutti i risultati
Informazioni e
notizie utili
il Club
degli autori
il Club
dei Poeti
Consigli
editoriali
Editrice
Montedit
Club
news
 
 
 

Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2016
XVIII Edizione

Ultimo aggiornamento: 19 Settembre 2017
Clicca qui per il bando completo del concorso
Andamento del concorso:

La data di scadenza prevista del 20-09-2016 è stata prorogata al 30-09-2016

  • Resi noti i risultati in data 13-12-2016.
  • La spedizione dell’ Antologia del Premio Città di Monza 2016 è stata effettuata dal 04-09-2017 al 15-09-2017 – In data 05-05-2017 sono state spedite le bozze dell’antologia del premio su cui saranno inserite le opere di poesia migliori – In data 28-10-2016 è stata inviata comunicazione a mezzo lettera ai poeti ammessi.
  • La cerimonia di Premiazione si è tenuta sabato 21 gennaio 2017 alle ore 16:30 presso la Sala Maddalena in via Santa Maddalena, 7 – Monza (centro di Monza). Ingresso libero.

Risultati

Risultati del XVIII Premio Internazionale di Poesia «Città di Monza 2016»


La Giuria della XVIII Edizione del Premio Internazionale di Poesia «Città di Monza 2016» composta dal Presidente Beppe Colombo (già direttore della Biblioteca Civica di Monza), Maria Organtini (poetessa e Presidente del Cenacolo P.A.M.B.), Mario Biscaldi (Poeta e pittore), arch. Elisabetta Bosisio (pittrice e scultrice), Antonello Sanvito (giornalista), Maria Grazia Crespi (musicologa), Milena Scaccabarozzi (segretaria).
Rende noto quanto segue:
Hanno partecipato alla edizione 2016 n° 146 poeti per un totale di 206 testi provenienti da tutt’Italia, e da Chaves – Portogallo per gli adulti, e da Podgorica – Montenegro nella sezione Giovani.
Dopo attenta valutazione sono risultati vincitori:


Sezione Adulti

  • Poetessa 1° classificata: Franca Calcabotta Sirica di Monza con l’opera: «Sogno sotto l’antica quercia di Dodona» con la seguente motivazione: «L’orrore per la sofferenza del presente e la speranza fiduciosa per un futuro migliore sono affidati simbolicamente al fruscio di una mitica quercia. L’attuazione di un rito antico dà a questi versi il senso di una ispirazione profetica che travalica il tempo».
    Vince Euro 400,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alle Politiche Culturali – Targa – Pubblicazione di un Libro di 48 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 100 copie all’Autore – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito.
  • Poeta 2° classificato: Claudio Maria Zattera di Verona con l’opera: «Appartengono a Dio» con la seguente motivazione: «La missione del poeta è allusa con immagini vivaci distribuite su vari aspetti della vita e riunite in una sintesi che lascia trasparire un valore trascendente».
    Vince Euro 200,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alle Politiche Culturali – Targa – Pubblicazione di un Libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 100 copie all’Autore – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Poetessa 3° classificata: Emilia Fragomeni di Genova con l’opera: «Scrivo versi» con la seguente motivazione: «Le immagini di un paesaggio ligure alludono alla tristezza del tempo presente, ma il miracolo della poesia riesce a vincere il male e a indurre alla speranza».
    Vince Euro 100,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alle Politiche Culturali – Targa – Pubblicazione di un Libro di 32 pagine edito dalla casa editrice Montedit con assegnazione gratuita di 50 copie all’Autore – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Poetessa 4° classificata: Teresa Riccobono Nicoli di Palermo con l’opera: «Lontane memorie».
  • Poetessa 5° classificata: Lucia Ingegneri di Monza con l’opera: «Con la complicità del cuore».
  • Poeta 6° classificato: Giuseppe Leccardi di Milano con l’opera: «Legna Verde».
  • Poeta 7° classificato: Egidio Belotti di Fossano (Cuneo) con l’opera: «Ombra tra le ombre».
  • Poetessa 8° classificata: Giuseppina Barzaghi di Inverigo (Como) con l’opera: «Le stelle più luminose».
  • Poetessa 9° classificata: Anna Barzaghi di Seveso (Monza Brianza) con l’opera: «Incanto».
  • Poeta 10° classificato: Vanes Ferlini di Imola (Bologna) con l’opera: «Volo di rondini».


Dal 4° al 10° classificato vincono: Attestato di merito – Medaglia del Cenacolo PAMB – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori


Sezione Giovani


  • Poetessa 1° classificata: Sara Boccassi di Roma con l’opera: «Ti ho cercato in un libro illustrato» con la seguente motivazione: «Il fascino di questa poesia, tanto adolescenziale nella sua tematica quanto abile e colta nella suggestione letteraria della iterazione, sta nella indefinitezza misteriosa della ricerca, aperta ai più diversi esiti, ma certo sofferta e umanamente impegnata».
    Vince Euro 200,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alle Politiche Culturali – Targa – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Poeta 2° classificato: Edoardo Conventi di Concordia Sagittaria (Venezia) con l’opera: «Sei mesi di te».
    Vince Euro 100,00 offerti dal Comune di Monza Assessorato alle Politiche Culturali – Targa – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Poetessa 3° classificata: Teodora Dedijer di Podgorica (Montenegro) con l’opera: «Paese dei sorrisi».
    Vince Medaglia del Cenacolo PAMB – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Poetessa 4° classificata: Nora Zoccolan di Fossalta di Portogruaro (Venezia) con l’opera: «Archè».
    Vince Medaglia del Cenacolo PAMB – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori – Attestato di merito
  • Premio speciale in memoria di Augusto Robiati a: Barbara Rabita di Milano con l’opera: «In metrò» con la seguente motivazione: «Chiaro il senso evangelico della misericordia che accomuna l’umanità senza pregiudizi. Nell’accoglienza del bisogno primario di una madre che implora l’obolo per il bambino definito dalla poetessa: “…impulso di vita”, nasce la poesia».
    Vince: Attestato di merito – Targa Augusto Robiati – Pubblicazione dell’opera premiata sull’Antologia del Premio e sul sito Internet del Club degli autori


La Giuria si è dichiarata soddisfatta per il numero dei partecipanti, del buon livello qualitativo dei testi proposti ricchi di tematiche inerenti ai problemi sociali, alla quotidianità, ai sentimenti profondi che ne segnano la memoria dei partecipanti che ogni anno onorano il Premio.


La cerimonia di premiazione si è svolta sabato 21 gennaio 2017 alle ore 16:30 presso la Sala Maddalena in via Santa Maddalena, 7 – Monza (centro di Monza). Ingresso libero.


Opere vincitrici



Sara Boccassi


Opera 1^ classificata Giovani


Ti ho cercata in un libro illustrato


Ti ho cercata in un libro illustrato
senza colore, senza parole
scarabocchi di cenere e schizzi d’idee
rimaste a matita.
Ti ho cercata nelle guerre di eroi
prigionieri di un passato.
senza avvenire
dalle armi scarlatte, dal silenzio nel cuore.
Ti vidi forse nella grazia mortale
d’una rosa recisa
dal capo chinato
e la corolla dolente
distesa, distrutta su un letto di gemme.
Ti ho cercata senza luce nè buio
in pagine e pagine di preghiere perdute,
poesie infantili e storie dì navi,
marinai senza meta dalla rotta smarrita.
Ti vidi forse in un giardino incantato
mentre fuori appassiva
il fior dei miei anni.
Nel riverbero leso da una nube
nostalgica ogni tanto pioveva
il mio pianto di vetro
sopra foglie di carta e grafite.




Edoardo Conventi


Opera 2^ classificata Giovani


Sei mesi di te!


Singolo punto di un’importante storia d’amore,
piccolo.
Forza per coloro che hanno scritto di te.
Cuore grandissimo,
unico universo.


Gioia,
vita.

Una bestia nata con te
Ti rapì e ti portò via.


Occhi spenti di madre!


Mi arrendo!


Nulla.
Cancro!




Teodora Dedijèr


Opera 3^ classificata Giovani


Paese dei sorrisi


Il suo nome parla chiaro,
Raffaele, medico senza frontiere.
Insegue un sogno – togliere il dolore.
Però, il bene che fa non fa rumore.


Dove il disagio si tinge di sanguigna,
dì terra d’ombra bruciata, di granata.
un’emozione di tonalità rosso angeiico
silenziosamente l’ha colorata.


Operare un altro labbro con malformazione
è diventata la sua missione.
Sostituire col sorriso stampato
sguardo supplichevole – I’obiettivo prefissato.


Se lo porta dentro per celebrare la vita,
quel «Grazie» dì tante facce di felicità.
Si concederà una sosta dopo la missione riuscita?
Finché sente vagito per lui non è finita.




Nora Zoccolan


Opera 4^ classificata Giovani


Arché


Donna è vita,
sostanza marmorea
di una moltitudine
che aleggia nell’incertezza
di essere e non apparire.
Donna è essenza di vita,
eterna madre del mondo
amante dello spirito
esaltazione del pensiero.




In utero


Vorrei, con la mia mente, 
spaziare ai confini del possibile
oltrepassare il muro del vuoto
buio della vita, della morte. 


Vorrei volare con il mio pensiero 
oltre il corpo spento
per tornare in esso rinata
dando tempo al tempo.


Volo e mi libero
muto e divengo 
sono e vivo.




Franca Calcabotta Sirica


Opera 1^ classificata Adulti


Sogno sotto l’antica quercia di Dodona


Sogno sotto l’antica quercia di Dodona…
Respiro nell’assenza di suoni.
Mi avvolgono le essenze d’autunno.
Domani un oracolo prenderà la mia mano.
Trepidante,
aspetterò il suo responso,
il suo racconto del mondo.


Penso sotto l’antica quercia di Dodona…
Guardo la luna vestita di nubi leggere
Trasparenze di luce m’incantano,
seducono il mio sguardo silenzioso…
Tracciano le mie dita il percorso delle stelle.
Qui, fra i boschi dell’Epiro,
lascio correre i miei desideri.


Piango sotto l’antica quercia di Dodona…
Vorrei che il buio m’inghiottisse,
per proteggermi dal dolore del vero.
Vorrei annullare questo posto a me caro,
cancellare la sua storia e il suo mistero,
per non leggere gli orrori dell’uomo,
per non tradurre le parole amare del vento.


Canto sotto l’antica quercia di Dodona…
Aspetto la dipartita della notte.
Sospendo il tempo, abbandono la mia voce,
come una fiamma che non sa più tremare.
Voglio solo ascoltare il fruscio delle fronde.
Nell’aria, che ha l’odore del mattino,
le foglie diffondono melodie presenti.




Claudio Maria Zattera


Opera 2^ classificata Adulti


Appartengono a dio

Ai poeti appartengono le parole
galanti, tra le tazze
d’oro zecchino della
pasticceria del corso,
al momento del tè.
Ai poeti appartengono le strade
senza uscita, i vicoli
che sanno d’osteria,
la rima dello sbronzo:
crepa, vigliacco mondo!
Ai poeti appartengono le pagine
bianche dove adagiare
i sogni, e le pietre
per coprire la morte
dall’assalto del canto.
Ai poeti appartengono le notti
e i fogli neri, drappi
d’una vita descritta
graffiando la vernice,
con chiave di lettura
di per sé stessa univoca.
Ai poeti appartengono le ore
di punta d’attardata
solitudine, pena
in cui lenti s’indugiano
per fede manifesta.
Ai poeti appartengono le donne
amate, e spogliate
alla luce d’un tocco,
labbra evocate, mute
all’intima bellezza.
Tutti i poeti appartengono a dio,
a chiunque sia posto sulla croce del bivio
con le mani legate,
ad accogliere chiodi e uomini risorti.




Emilia Fragomeni


Opera 3^ classificata Adulti


Scrivo versi

Noi… li credevamo inni, elegie.
Ma sono solo parole di vento,
ballate d’anime in tumulto, che
trasformano la luce della luna
scintillante in buio inquieto e
il canto del mare in urlo acuto
su naufragi dolenti. Ormai
si piegano alla pioggia violenta
solo lacrime sterili e spente.
Nuvole minacciose assillano
i giorni. L’erba s’affolla ai muri
scorticati; l’ulivo secolare è ormai
piegato, trafitto dall’incuria e
l’abbandono.
Si snoda sui pendii dell’esistenza
la strada chiusa al vuoto delle attese,
ardenti aspettative, anime arrese.
Scalfisce il duro argine del tempo,
che attento veglia sospiri affranti
e silenzi che sovrastano pianti.
Intanto il mare canta leggende
o storie vere. Magico effluvio
emana dagli abissi. La notte più
non dà tregua. E piange irripetibile
tormento d’istanti vuoti, inghiottiti
dal buio del silenzio.
Ma io non lascio armonie di luci,
né affondo i miei sogni nell’abisso.
Io mi vesto di luna e bevo vento,
nutrendomi del chiarore delle stelle.
Respiro il peso delle sofferenze,
ma scrivo versi, con cui riempire
il crudele frastuono del silenzio.
Guardo la vita che mi avvolge
intorno e dal dirupo mi sporgo
a nuova sosta, aperta alla speranza.




Teresa Riccobono


Opera 4^ classificata Adulti


Lontane memorie

E si torna a casa
ancora bambini
tra le ginestre fulgide e immense,
ed è tutto un vociare
che si perde per le strade
di portici in corsa,
voci scattate dai giri di chiave
di un viaggio che scioglie memorie,
scritture d’un periplo lucente
che s’annidavano al mio piede
nelle maree dei campi di maggio,
quando le lucciole
a fiocchi nevicavano luce
e i fiori covavano miele,
e si credeva il cielo
avesse un parlare d’uccelli
anche per noi che fuori dal nido
si provava a volare,
e si torna a casa,
qualcuno ha conosciuto le parole
ascoltando il vento perdersi
nella quiete dei coralli,
qualcuno è rimasto dentro
a riguardarsi la vita,
a cercare un’eco
nei vuoti d’azzurro
d’un tempo impietoso
che di nove lune si gonfia
assolve il dolore
quest’alba che cresce
come la sete dolce
di tutto ciò che ha
labbra e luce
e ti scivola addosso leggera
come rugiada
o al fiorir d’un passo.




Lucia Ingegneri


Opera 5^ classificata Adulti


Con la complicità del cuore

Colgo nel recinto del mio vivere
petali colorati di pensieri stipati,
di sensibili silenzi, di parole proferite
o ascoltate, di sogni consumati o
assopiti in attesa di aleggiare come
polvere di stelle nello spazio del mio
fluire, mentre respiro la globalità del
tempo fra argentei bagliori dell’aurora
e vespertini veli nel trapelante cielo,
con la notte schiusa al lucore della luna.
Cerco di ogni evento il suo colore
per scorgerlo come il blu del mare,
il bianco della neve, o che abbia la
fragranza dei glicini per fasciare
la mia anima d’essenza.
Non sempre i grappoli fioriscono
per far sbocciare un sogno o una
speranza, non sempre c’è vento di
levante a sollevare l’odore delle
rose dai giardini assolati.
Realtà incerta, misteriosa, dove io
mi muovo con la complicità del cuore,
con gli occhi dell’amore: profumi di
sorrisi, tappeti di speranze, chiare
albe di pace per un mondo migliore.
Amore universale, fiamma cosmica
che m’illumina lo spirito e lo innalza
verso nuove mete, dolci aure di luce
infinita, porto radioso del profondo
azzurro dei miei voli d’infanzia,
quando per me correvano le stelle a
ricamare, con l’incanto delle favole,
il mio cielo di liete storie senza tempo.




Giuseppe Leccardi


Opera 6^ classificata Adulti


Legna verde

Come pesa sulle spalle
la legna secca degli anni,
sottobosco del tempo trascorso
esposta all’incendio dei tramonti
ed ai fuochi dell’ultima passione.
Non proverei stupore, né rimorso
se diventasse cenere all’istante
ma aspetterei paziente l’occasione
per l’ultimo volo insieme,
grigie spirali dello stesso fumo.
Sarà come un soffio d’amore
più fresco del vento che a marzo
semina fiori profumando l’aria
e spinge le nuvole più in alto
nei leggeri pascoli del cielo.
Come rimpiango ora
il tempo della legna verde
che si beveva il sole a primavera
nei giorni dello studio e dell’attesa,
le strade larghe, aperte a tutti i sogni.




Egidio Belotti


Opera 7^ classificata Adulti


Ombra tra le ombre

«Genova disperata, invano da me implorata.
Genova di tutta la vita, mia litania infinita»
’Litania’ G. Caproni

Questa città smarrita, ombra tra le ombre,
si perde sull’indaco intenso con lo sguardo
appeso al mare di cristallo quasi immobile
nel suo respiro misterioso, adagiata
sulle opache luci della sera nel declinare
stanco di palpitanti echi di memoria:
ed ecco il delicato battito del tempo
che m’inquieta, innocenza ferita,
luce in salita sui tetti malati, improvvisa
stretta al cuore, padre, madre, amore:*
e poi, inaspettato, un suono amico
di mareggiata breve accompagnare stupito
questa vertigine di vento sulle scale
grigie a risvegliare un fremito nuovo,
quell’intima armonia sospesa
sul ritmo incerto di una limpida passione,
mia delizia e mio sofferto cruccio,
che a volte – sospiro di brezza –
lenta scioglie in canto nel dialogare
senza ritorno delle ultime stagioni.

*genitori e moglie di Caproni deceduti a Genova.




Giuseppina Barzaghi


Opera 8^ classificata Adulti


Le stelle più luminose
(a Madre Teresa)

L’umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza.
(Johann Winckelmann)

Non porgere ricchezze
il mondo ha sete di carità
di parole sussurrate ai cuori
di pensieri fatti opere
di mani sempre pietose
di ferite umilmente sanate
di vuoti amorevolmente colmati.
Non porgere ricchezze
non lavare la coscienza
la carità è lucidamente folle
allarga l’orizzonte del cuore
oltrepassa ogni frontiera
e pacificamente si ribella.
Cospargiti di povertà
asciuga molte lacrime
avrai gioia e vera bellezza
vedrai le tribolazioni
divenire fiori
vedrai le spine
tramutarsi in rose.
Le stelle più luminose
risplendono nel buio.




Anna Barzaghi


Opera 9^ classificata Adulti


Incanto

Sarà la magia del vento
a rapire gli sguardi incendiati dal cuore
mentre si snodano voli di gabbiani solitari
nelle onde bianche parlate dal silenzio.

In questo giardino incantato di luce
scorrono pensieri come accanite ombre
ad allacciare il tempo al respiro muto della vita.

Mi scivolo addosso nel mio rincorrere strofe nude di memorie
sconfinando tra impronte e sogni
mentre il colore del tramonto
si nasconde nelle tasche del cielo.

Catturo la voce di una nuvola
proprio ora che il mio destino s’allunga sui miei sensi.

Come un abbraccio imbevuto di speranza regala un domani al lento fluire
di un brivido che danza nella sera.

Si spegne il giorno in un soffio di lacrima
mentre lieve s’adagia una carezza sulle gote della luna.

A raccontare di una poesia che si scioglie nell’anima.




Vanes Ferlini


Opera 10^ classificata Adulti


Volo di rondini

C’era nei tuoi occhi
una trama di filo spinato
e la mano, piccolina
a ghermire un lembo di cielo

Non eri fatta di sola carne,
la tua anima sanguina ancora
nel sonno della belva
come le sue unghie
ti graffiavano il cuore

Bambolina di porcellana fine
e un vestitino leggero
che svolazza all’impeto
del vento gelido e crudo

In questo cielo pieno di falchi
le rondini garriscono spaurite,
tracciano rotte a nuovi soli
e tu, con le ali spezzate
e le manine ruvide d’asfalto
non solchi più l’azzurro

Precipita la ragione,
precipita il cielo nei tuoi occhi
ma tu voli ancora
più in alto di noi
nella-luce che non ha confini
e da lì sussurri parole dolci
ai bambini che ancora possono sognare.

in memoria di Fortuna Loffredo, la piccola vittima di violenze precipitata dal balcone della sua abitazione di Caivano.




Barbara Rabita


Opera Vincitrice del Premio Augusto Robiati


In metrò

La zingara ha tra le braccia
un impulso di vita
con gli occhi imploranti
chiede monete.

Fiocchi rosa
sulla fronte neonata
e copertine calde
avvolgono vagiti
ormai condannati.

Ciabatte sporche
si trascinano stanche
nei vagoni umidi,

Un bicchierino logoro
nella mano libera.

Giovane e molle
è la gitana.
Implora,
tocca il pavimento con il corpo
fredda e ostile è la terra.




Rumori

Nuvole peste come i miei occhi
cadono calde dal cielo
rumori di primavera si affacciano
alla mente assopita



L'Albo d'Oro:
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2017 XIX Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2016 XVIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2015 XVII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2014 XVI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2013 XV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2012 XIV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2011 XIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2010 XII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2009 XI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2008 X Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2007 IX Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2006 VIII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2005 VII Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2004 VI Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2003 V Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2002 IV Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2001 III edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 2000 II Edizione
Premio Internazionale di Poesia Città di Monza 1999 I Edizione
 
 
I concorsi del Club . I bandi . I risultati . Per inserire un bando . Home . Archivio . Twitter . Privacy
© Copyright 1992-2017 Associazione Culturale Il Club degli autori - Partita Iva e Codice Fiscale 11888170153